BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Calciomercato Inter/ Bellinazzo: accordo Moratti-Thohir: ecco il futuro della società dopo la firma (esclusiva)

Massimo Moratti ed Erick Thoir hanno firmato il passaggio di proprietà: il 70% delle quote passa nelle mani del tycoon per una cifra sui 250 milioni di euro. Commenta MARCO BELLINAZZO

Immagine d'archivioImmagine d'archivio

“Abbiamo firmato con Thohir”, le quattro parole che scrivono la parola fine alla telenovela. Dopo mesi di tira e molla strategici sono arrivate nella mattinata di oggi le firme tra Erick Thohir e Massimo Moratti: l’Inter passa nelle mani del magnate indonesiano, dopo che nella notte i legali del tycoon e quelli del’(ex?) presidente nerazzurro avevano sistemato gli ultimi dettagli della trattativa che ha tenuto i tifosi nero-azzuri (ma non solo), sulla corda. Moratti cede il 70% delle quote e afferma, entrando in sede, di non sapere se resterà o meno alla presidenza della Beneamata. Per tirare le somme del passaggio di proprietà e per cercare di capire il senso dell'operazione e il profilo che l’Inter assumerà sotto la presidenza di Thoir, la redazione de ilsussidiario.net ha contattato il giornalista de IlSole24Ore Marco Bellinazzo, espero di business e calcio.

Finalmente hanno firmato. La cifra dell'operazione? Le cifre sono quelle circolate nelle ultime settimane: il 70% per 250 milioni di euro. Però siccome negli ultimi giorni ci sono stati dei problemi nella trattativa con molto dettagli da sistemare, bisogna aspettare che escano i comunicati ufficiali delle due parti che per sapere i precisi dettagli economici.

Si parla di Thohir pronto a quotare in borsa la società. Conferma? È un’eventualità, ma non è tra le priorità. Ci vuole tempo per un’operazione di questo tipo: bisogna prima sistemare la squadra, sistemare i conti e arrivare magari in Champions e solo in un secondo momento si può valutare un’azione di questo tipo. Non la considererei una chiave di lettura immediata dell’operazione.

Moratti non l’ha mai fatto, perché? Non è che non c’abbia mai pensato: la quotazione in borsa non è di per sé fruttuosa; è fruttuosa se c’è un progetto da finanziare, e mi riferisco in particolare a uno stadio. Altrimenti significa cedere potere e le quotazioni fatte negli ultimi anni – al di là di quello registrato negli ultimi giorni con i titoli di Roma, Juve e Lazio in forte crescita – in realtà non hanno mai portato i frutti sperati.

Non paga sempre quindi. Esatto, è stata un’iniziativa più perdente che vincente negli ultimi anni e per questo Moratti non ha mai quotato l’Inter.

Che modello societario porterà il magnate indonesiano? Soprattutto a livello di marketing e merchandising. Sicuramente la società si porrà l’obbiettivo di tornare subito in Europa per poter valorizzare il brand. Avremo una società di stampo inglese che farà molte tournée in particolare nel Sud-Est asiatico e che punterà soprattutto sui social network e i sui media per vendere i propri prodotti. Insomma, una società molto più attenta agli aspetti commerciali che in passato.