BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Torino-Inter, ultime novità (Serie A, ottava giornata)

Infophoto Infophoto

 Qualche assenza anche per Mazzarri, ma formazione tutto sommato quasi completa. Sarà interessante invece come reagirà la squadra (allenatore compreso) alle cessione della società all’imprenditore indonesiano Thohir. In conferenza stampa, il tecnico ha fatto innanzitutto il punto sulla formazione da presentare stasera e sulle trasferte che molti giocatori hanno fatto con le nazionali in Sudamerica: "La condizione fisica è una bella domanda, ma è già positivo che siano tornati senza infortuni. Oggi valuterò guardando il campo. Anche contro la Roma la prestazione non è stata così negativa, abbiamo pagato gli errori. Contro il Toro sarà una partita difficile, su un campo particolare contro una squadra ottima, con un allenatore che dà organizzazione di gioco. E' un test importante, un'altra verifica ma sono fiducioso di poter fare bene". Tra gli assenti “eccellenti” c’è anche Alvarez: "Dispiace per Ricky che stava facendo molto bene e aveva bisogno di continuità. Kovacic al suo posto? E' una possibilità", anche perché Guarin “sta progredendo bene nel ruolo in cui è stato impiegato anche se l'ho provato trequartista in America. Quindi meglio evitare di mettere troppe idee in testa". Infine un commento su Thohir: "Moratti ha preso questa decisione per il bene del club. Le motivazioni io le trovo sempre, devo dare il massimo sempre e comunque. Comunque se Thohir dovesse chiamare gli parlerò volentieri, in inglese perché ho fatto la gavetta e so farmi capire bene”.

 Quasi “obbligata” la panchina odierna dell’Inter, composta presumibilmente da Castellazzi, Carrizo, Andreolli, Wallace, Samuel, Pereira, Mudingayi, Kuzmanovic, Olsen, Belfodil e Icardi. L’unico dubbio è rappresentato proprio da quest’ultimo, che Mazzarri potrebbe anche schierare fin dall’inizio per proporre un modulo più offensivo.

 Ci sono solo Alvarez e Campagnaro tra i “nuovi” assenti nerazzurri, oltre a quelli già noti che sono Chivu, Zanetti, Milito e Mariga. Probabile dunque la conferma del 3-5-1-1 con Palacio davanti a tutti coadiuvato da Kovacic, ma chissà se Mazzarri opterà per una formazione anche più aggressiva.