BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Manchester City-Bayern Monaco, le ultime novità (Champions League, gruppo D)

Probabili formazioni Manchester City-Bayern Monaco: ecco le scelte di Pellegrini e Guardiola per il big match della seconda giornata del gruppo D di Champions League 2012-2013

Foto InfophotoFoto Infophoto

Grande appuntamento questa sera con il gruppo D di Champions League: per la seconda giornata si gioca Manchester City-Bayern Monaco, sfida di lusso tra due superpotenze del calcio europeo, le ovvie candidate alla qualificazione agli ottavi di finale. Con una differenza sostanziale: mentre i bavaresi arrivano da una stagione in cui hanno vinto tutto e in generale hanno una tradizione di almeno 40 anni ai vertici del calcio europeo, i Citizens sono nuovi a queste atmosfere, hanno raggiunto la "grandeur" da poco e le prime due campagna in Champions League sono andate malissimo (lo scorso anno, nessuna vittoria nel girone). Ecco perchè è arrivato Manuel Pellegrini, un tecnico che ha portato la favola Villarreal fino alla semifinale sette anni fa, e che ora ha in mano una realtà concreta fatta di ingaggi milionari e parata di campioni ma un'anima da formare. Dall'altra parte Pep Guardiola, uomo dei 14 trofei in 4 anni con il Barcellona (2 Champions), uomo fortemente voluto dal Manchester City che per convincerlo si è portato in casa l'ex dirigente blaugrana Txiki Begiristain, ma ha comunque fallito l'assalto. Arbitra l'olandese Kuipers; entrambe hanno vinto all'esordio, ripetersi stasera vorrebbe dire avere gli ottavi in tasca. 

Manuel Pellegrini pensava forse a un avvio diverso in campionato: di fatto il suo Manchester City non è ancora decollato, al momento schiacciato da un'alchimia che non si trova. Il talento individuale ha evitato il patatrac, ma la caduta sul campo dell'Aston Villa (con tre gol subiti) ha fatto suonare pesanti campanelli d'allarme, e nemmeno la tesi che quest'anno si pensi innanzitutto all'Europa convince più di tanto. "Mi aspetto una grande risposta dai miei", dice il cileno, "in Champions siamo partiti molto bene ed è importante continuare in questa direzione. Il Bayern è forte e lo sappiamo, ma possiamo fare tre punti perchè stiamo bene". Inevitabile la domanda sulla rivalità con Guardiola: i due si sono incontrati nella Liga 2009/2010, Pellegrini ha fatto il record di punti (96) con il Real Madrid ma a vincere il campionato è stato il Barcellona (99), che si è portato a casa anche i due Clasici (1-0 e 2-0). "E una sfida tra i giocatori, no tra gli allenatori. Pep è un grande, ed è in un grande club; proverà a portare a Monaco tutte le qualità che ha trasmesso anche al Barcellona". Per batterlo, Pellegrini si affida al 4-3-3, schema tanto caro alla società blaugrana: Kompany è ormai pienamente recuperato e gioca insieme a Nastasic al centro, Kolarov si è ripreso il posto da titolare, in mezzo Fernandinho detta già i tempi dell'azione con Yaya Touré che gli lascia spazio e si defila, anche Nasri è elemento importante e arretra la sua posizione per dare fastidio in mediana. Davanti, Jesus Navas e Negrdo sono le scelte del tecnico; con loro ci sarà Jovetic, il cui avvio in Premier League non è stato dei migliori.

Solo panchina per Dzeko e Aguero: certamente una notizia, anche se il Manchester City ha una potenza di fuoco talmente ampia da dover sempre sacrificare qualche stella. La speranza di Pellegrini è di portarla a casa dando allo stesso tempo fiato ai suoi due bomber; le altre scelte sono Milner e Javi Garcia, Clichy che con Mancini era titolare più o meno fisso e Micah Richards, in estate sondato dal Milan.

David Silva manca, ed è un'assenza che si farà sentire: lo spagnolo è il vero collante tra centrocampo e attacco, è diventato subito un leader naturale della squadra e la sua capacità di smarcare il compagno davanti alla porta è merce rara.