BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Livorno-Sampdoria (1-2): i voti e il tabellino della partita (Serie A, ottava giornata)

Pagelle Livorno-Sampdoria (1-2): i voti e il tabellino della partita. Ottava giornata di Serie A, i blucerchiati con due rigori e in extremis colgono la prima vittoria stagionale

Eder in azione (Infophoto)Eder in azione (Infophoto)

Arriva anche la prima vittoria della Sampdoria in campionato. Il 2-1 esterno al Picchi consente agli uomini di Delio Rossi di abbandonare l'ultimo posto in classifica, e di iniziare forse sul serio una stagione che si stava mettendo male, pur senza abbandonare i campanelli d'allarme e tutti quei problemi che andranno pienamente risolti. Il Livorno spreca la grande occasione di incrementare i suoi punti in classifica non riuscendo mai a brillare e a prendere in mano le redini del gioco. A dire il vero non è stato un grande spettacolo. Il Livorno avrebbe potuto fare ben altro, ma è incappato in una giornata storta; la Sampdoria, tesa e impaurita dalla classifica e dal rischio di un altro scivolone, ha segnato solo con due rigori senza mai mostrare un grande gioco. Nicola avrà imparato: la Serie A è questa, quando meno te lo aspetti e tutto sembra andare bene, ecco lo scivolone interno che ricaccia indietro. Non è successo poi nulla, la quota retrocessione è lontana; ma questa sconfitta deve servire come esempio per i giorni a venire, perchè nessuno regala nulla. , Brava e anche fortunata a prendersi i tre punti, che servivano più del pane. Due rigori: per esprimere il bel gioco ci sarà tempo, per il momento vanno bene i tre punti esterni senza disquisire su come la manovra possa essere più lucida di così. Nulla da dire sul primo rigore, convince poco il secondo in pieno recupero: il contatto, se c'è, e minimo. Da rivedere, decisamente.

Non compie nessuna parata, infilato da due rigori senza poterci fare molto.

Anche per lui, impegno decisamente sotto le aspettative.

Gioca una partita sopra le righe, da vero leader difensivo.

Anello debole della catena difensiva, si vede che non è in forma. Arriveranno occasioni migliori.

Spinge tanto e manda in crisi Barillà, provandoci finchè ne ha. ()

D'accordo, forse il fallo è veniale, ma sta di fatto che su Regini entra con troppa foga mostrando decisamente poca concentrazione.

Idem come sopra: troppo irruento quando va a fermare De Silvestri concedendo il rigore alla Sampdoria.

Uno dei più propositivi, a centrocampo è un trottolino che finchè resta in campo dà una mano a tutto.

( 14 gol lo scorso anno prima del grave infortunio, Nicola lo aspetta al 100% della forma e intanto gli concede spezzoni. Ripagato: gol del momentaneo pareggio nel finale)

Da Costa gli nega la gioia del gol volando a deviare la sua punizione. Pericoloso solo su calcio piazzato.

Lo voleva la Sampdoria in estate: offerta rifiutata, è rimasto a Livorno e oggi chissà, ha sentito il peso. Errore sotto porta, poco lavoro e poca presenza.

Altro assente ingiustificato. Nicola lo schiera ancora, ma il Siligardi che freme in panchina è una pressione non indifferente. ()