BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Torino-Inter (3-3): i voti della partita (Serie A, ottava giornata)

Torino

Padelli, 4.5: tanti errori goffi, sia sul pareggio di Guarin che sul doppio gol di Palacio. Rovina un inizio di campionato positivo con una prestazione decisamente insufficiente.

Darmian, 5: soffre tantissimo Palacio, come dimostra il 2-3.

Vives, 5.5: gestisce bene la fase d'impostazione, non è difensore e si vede quando l'Inter, raramente, attacca.

Moretti, 6: positivo l'unico vero difensore centrale, l'unico errore è non uscire su Belfodil. Per il resto, positivo nel supportare le azioni offensive.

D'Ambrosio, 6: parte benissimo, poi lentamente si spegne, fino a cedere tutta la fascia a Cerci.

Brighi, 6: facilitato dalla superiorità numerica, lui, frangiflutti di natura, non deve lavorare più di tanto, e allora si dedica ad aiutare l'attacco.

Gazzi, 5.5: torna in regia, ma gli manca il ritmo e spesso si vede. E' lento, gli manca il lancio e il guizzo che fa cambiar passo all'azione.

Farnerud, 6: ottimo primo tempo, gol pesante e tanti movimenti che destabilizzano la difesa nerazzurra.

Pasquale, 6: spinge tanto, e bene, nel primo tempo; nella ripresa accompagna la squadra, più sbilanciata a destra.

Cerci, 7.5: strepitoso, in avvio devasta l'Inter con un palo e un'espulsione procurata, ha la peca di sbagliare il rigore, ma recupera con gli interessi spingendo, strappando e imbucando la difesa nerazzurra fino all'ultimo secondo.

Barreto, 6: rientro positivo, la sua grande mobilità permette i movimenti offensivi del Toro, che mettono in difficoltà i difensori di Mazzarri.

Bellomo, 7: entra e fa un gol pazzesco in pieno recupero. Poco da aggiungere.

Immobile, 6.5: entra molto bene in partita, subito in gol; quindi tanti recuperi e scatti che aiutano il pressing granata.

Meggiorini, s.v.

Allenatore: Ventura, 7: la sua squadra sembra volerlo tradire, lui fino in fondo la sprona a non buttar via la partita. Cambi e indicazioni esortano i suoi a crederci, e due suoi cambi risultano decisivi.

(Giovanni Gazzoli - @giogazzoli)