BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Milan-Barcellona, i voti della partita (Champions League, gruppo H)

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

MILAN - BARCELLONA: I VOTI DEI ROSSONERI

AMELIA 6,5 Risponde a tono ai tiri della distanza che piombano nello specchio. Incolpevole sulla rete incassata.

ABATE 6,5 Non delude mai quando la situazione richiede grinta e coraggio.

C. ZAPATA 5 La sciocchezza che compie in occasione del gol di Messi pesa troppo. Contro avversari del genere non ci si può permettere tali indecisioni.

MEXES 6,5 Si trova a suo agio senza marcature leggendo bene i diversi pericoli che si prospettano in area.

CONSTANT 5,5 Nel primo tempo arranca spesso dimenticandosi di Dani Alves e rischiando troppo. Nella ripresa Allegri lo scuote e l’attenzione aumenta.

MONTOLIVO 7 Prezioso in entrambe le fasi. Corre come un matto non lasciando mai il compagno solo nel contrasto. Preciso e reattivo nelle ripartenze.

DE JONG 6,5 Esperienza e passione al servizio della squadra.

MUNTARI 6 Lotta e ringhia fino allo scadere. Pesano sul suo giudizio i diversi interventi a vuoto e il gol divorato nel secondo tempo.

BIRSA 6 Molto sacrificio in fase difensiva.

(dal 35’ s.t. POLI s.v.)

KAKA’ 7 Mettendo da parte nella valutazione la sua condizione fisica, messa a dura prova nel secondo tempo, la prestazione dell’ex pallone d’oro è più che incoraggiante. Qualità e coraggio fungono da spinta emotiva per tutto il gruppo.

(dal 26’ s.t. EMANUELSON 6 Dà una mano decisiva aiutando a chiudere sul sempre pericoloso Dani Alves.)

ROBINHO 6 A molti rossoneri vedere un suo gol contro il Barcellona non sembra vero. Nella ripresa però tranquillizza tutti facendosi riconoscere per un banale errore nell’occasione che poteva valere il 2-1. Doctor Jekyll and Mr. Hyde.

(dal 19’ s.t. BALOTELLI 5,5 Non riesce a rendersi pericoloso, offrendo un cross basso troppo pretenzioso.)

ALLEGRI 7 Dispone la squadra sulla falsa riga della sfida di andata dello scorso anno. Fase difensiva da applausi, specie nel secondo tempo, mentre rapidità e precisione nelle ripartenze sono fondamentali per il piovere di occasioni interessanti, spesso sprecate.