BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Mondiali pugilato 2013/ Russo in semifinale, è medaglia sicura. Eliminato Cappai (quarti di finale)

Pubblicazione:mercoledì 23 ottobre 2013

Clemente Russo (Infophoto) Clemente Russo (Infophoto)

MONDIALI BOXE ALMATY 2013: I QUARTI DI FINALE – Giornata di grande pugilato oggi ai Mondiali che si stanno disputando ad Almaty, in Kazakistan. Infatti sono in programma tutti i quarti di finale, che vedono protagonisti ben cinque pugili italiani (record storico per l'Italia). Nella prima sessione del giorno, nel pomeriggio kazako, sono già scesi sul ring Clemente Russo nei massimi e Manuel Cappai nei mosca leggeri. Il bilancio è di una vittoria e una sconfitta: finisce qui il torneo della giovane rivelazione sarda, per Russo invece ci sarà l'ennesima medaglia di una carriera già straordinaria, nobilitata soprattutto dall'oro mondiale 2007 e da due argenti olimpici. Il podio è già sicuro dal momento che a chi perde in semifinale viene assegnato un doppio bronzo (niente finale per il terzo posto), anche se logicamente ora il mirino di Clemente è puntato sul bersaglio più grosso. Dunque Russo nei quarti ha avuto la meglio sul croato Marko Calic, battuto ai punti con verdetto unanime (30-27, 30-27, 29-28) al termine di un incontro dominato fin dalla prima ripresa. Solo la terza e ultima ripresa è stata più equilibrata, ma Russo aveva già costruito la vittoria nelle prime due, e il verdetto finale non è mai stato in discussione. In semifinale l'avversario del pugile campano sarà l'azero Teymur Mammadov, già battuto l'anno scorso alle Olimpiadi di Londra, sempre in semifinale. Come si accennava in precedenza, disco rosso invece per Cappai, comunque grande rivelazione nella sua categoria: il pugile sardo ha fatto una splendida figura anche oggi, lottando quasi alla pari con il favorito cubano Yosbany Veitia Soto, che lo ha battuto solamente con verdetto non unanime e con il minimo scarto (29-28, 29-28, 28-29). Cappai paga una tattica troppo attendista, forse per il timore reverenziale davanti all'appuntamento finora più importante della sua carriera: vittoria onestamente meritata per il cubano, ma la crescita di Manuel è una splendida notizia per il futuro. La giornata però ci riserverà ancora numerose emozioni: il pomeriggio italiano – in Kazakistan sarà la sessione serale – vedrà scendere sul ring prima Domenico Valentino contro l'azero Isayev (60 kg), poi Vincenzo Mangiacapre contro il padrone di casa Yeleussinov (69 kg) ed infine Roberto Cammarelle contro il croato Hrgovic nella categoria +91 kg. (Mauro Mantegazza)



© Riproduzione Riservata.