BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili Formazioni/ Napoli-Torino, ultime novità (serie A, nona giornata)

Le probabili formazioni di Napoli-Torino: le ultime novità della nona giornata del campionato di serie A. Si giocherà al San Paolo e il fischio d'inizio è previsto per le ore 12.30

Alessio Cerci (Infophoto) Alessio Cerci (Infophoto)

Napoli-Torino è l'anticipo della domenica per la nona giornata di Serie A. Partenopei alla rincorsa della prima posizione in classifica, distante 5 punti dopo la sconfitta nello scontro diretto contro la Roma; il Torino ha 10 punti ed è rinfrancato dal pareggio rimediato in extremis contro l'Inter, pur se sa bene che con l'uomo in più per tutta la partita si poteva forse cercare di fare qualcosa di meglio. L'arbitro è De Marco, entrambi gli allenatori hanno dubbi legati alle formazioni; vediamo allora quali solo. 

Il Napoli deve riprendere subito la sua corsa in campionato dopo la secca sconfitta con la Roma dello scorso turno, se non vuole subire troppo distacco dalla vetta. In casa con il Torino dovrebbe esserci tale possibilità. Benitez preparando il match ha detto ai tifosi di stare tranquilli che a fine campionato il Napoli sarà comunque lassù, in competizione per il primo posto. Non ha dubbi su Hamisk: "E' un professionista importantissimo per noi ma può sempre fare meglio perché ha qualità, ma il suo score è soddisfacente". Di Higuain invece ha detto che non è ancora al 100% della sua condizione, ma comunque sta lavorando benissimo: "Io parlo con lui per sapere come si sente e cosa fa, è un giovane che ama il calcio, parliamo spesso di questo, è un professionista ed io dico che farà almeno 20 gol". Del gioco del Torino dice che è una squadra che sa palleggiare, ed è forte nelle ripartente: "Non sarà una gara facile. Con l'Inter poteva perdere, ma ha fatto bene. Non hanno solo Cerci, ma 3-4 giocatori interessanti e poi mentalità ed un tecnico esperto". Ed ecco la sua visione complessiva sul campionato fino a questo punto: "La Juventus è una squadra forte, ma vedremo a febbraio se sarà più o meno forte, non posso dirlo ora. La Roma, così come l'Inter, è una squadra forte ed ha il vantaggio di giocare una partita a settimana, ma mancano tante partite e non sappiamo dove possono arrivare anche se hanno grande fiducia oltre che qualità. Rudi è molto furbo, parlava del Napoli, ma loro hanno qualità e saranno pericolosi". Scherza invece sui possibili rinforzi: "Bigon dovrebbe trovarne undici, ma comunque non è questo il problema adesso al Napoli anche se qualche giocatore nuovo va sempre bene". Dubbio Callejon-Insigne, il secondo sembra favorito con Mertens che dovrebbe andare a giocare a sinistra. Dzemaili forse al posto di Inler, Higuain in attacco dovrebbe farcela. 

In panchina va anche Marek Hamsik, perchè in campo dietro la punta c'è Goran Pandev. Callejon naturalmente è arma tattica entrando a partita in corso (era già accaduto contro l'Atalanta, quando poi aveva segnato) mentre Duvan Zapata ha il morale alle stelle dopo lo splendido gol realizzato in Champions League a Marsiglia; vedremo se Benitez gli concederà ancora un'occasione importante. Coperta corta in difesa: il solo Bruno Uvini resta a disposizione come alternativa.

Oltre allo squalificato Paolo Cannavaro, espulso contro la Roma in occasione del rigore subito, Benitez deve fare a meno di Zuniga, che si è operato al ginocchio e tornerà a dicembre inoltrato, e di Britos, che con gli infortuni non è mai stato particolarmente fortunato. Lui, comunque, già a metà-fine novembre dovrebbe tornare in campo.