BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Pagelle/ Napoli-Torino, i voti della partita (Serie A nona giornata)

Callejon (Foto: Infophoto)Callejon (Foto: Infophoto)

LE PAGELLE DEL NAPOLI

Reina, 6: dorme per un'ora, poi il Toro lo risveglia ma lui risponde bene.

Maggio, 6: parte forte, con tante accelerazioni, poi rifiata senza sprecare energie.

Raul Albiol, 6.5: concentratissimo dall'inizio alla fine, strappa l'ovazione quando risolve una situazione intricata con una classe da "galactico". Sempre più leader della difesa. ùFernandez, 6.5: ottimo per tenacia, risponde bene all'appello spazzando tutto ciò che passa dalle sue parti. Il prossimo passo sarà abbinare la fase d'impostazione, per ora va bene così.

Armero, 5.5: bene nei movimenti offensivi, ma ogni volta che conquista il fondo, sforna cross indecenti. Zuniga è di un altro livello.

Inler, 6.5: ordinato e preciso, prova diverse volte il tiro senza successo. Ottima costruzione di gioco.

Dzemaili, 6: si dedica più a rompere le azioni granata, e di conseguenza ha poco lavoro vista l'inconsistenza del Torino.

Mertens, 7.5: partita eccezionale, guadagna il primo rigore, crea un sacco di pericoli. Nel primo tempo è devastante negli spazzi stretti, nella ripresa con le squadra più stanche e allungate, lo è ancora di più, divorandosi chilometri e avversari con qualità da vendere.

Hamsik, 6: regista silenzioso, fa il suo senza strappare particolari applausi.

L. Insigne, 5.5: nel finale cresce, per il resto tante sbavature e un paio di occasioni sprecate per cocciutaggine.

Higuain, 7: doppietta decisiva al rientro da titolare, con due tiri sventati per poco e tanto movimento che aiuta non poco la squadra.

Pandev, 6.5: guadagna il rosso di Basha con un bel numero, compie altri due guizzi in area pericolosi. C'è da dire che il Toro aveva già mollato da un pezzo.

Callejon, s.v.

D. Zapata, s.v.

All.: Benitez, 7: Napoli cinico e spietato, coglie 3 punti con una prestazione da grande squadra. E in più, le rotazioni hanno funzionato alla grande, rivelando finalmente tutto il talento di Mertens, nuova freccia nella già folta faretra di Rafa.