BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Sassuolo-Udinese: Di Natale verso la panchina. Le ultime notizie (Serie A, decima giornata)

Un'esultanza del Sassuolo (Infophoto) Un'esultanza del Sassuolo (Infophoto)

PROBABILI FORMAZIONI SASSUOLO-UDINESE (SERIE A, DECIMA GIORNATA): LE NOTIZIE ALLA VIGILIA - Sassuolo-Udinese si gioca domani sera alle 20,45. Decima giornata di Serie A: è turno infrasettimanale, dunque tutto in notturna. I neroverdi, che giocano a Reggio Emilia, ospitano una squadra che ha grande difficoltà a fare punti in trasferta, ha appena perso in casa e deve quindi risalire la corrente; potrebbe essere una buona occasione per la squadra di Eusebio Di Francesco per rendere concreti quei progressi che il suo gruppo sta mostrando. Per contro, tuttavia, Francesco Guidolin è consapevole che il calendario gli offre una partita sulla carta non impossibile per poter scalare qualche posizione in classifica. Arbitra il signor Pinzani, coadiuvato da Meli e Preti; quarto uomo Paganesi.

QUI SASSUOLO - Avevamo già parlato delle statistiche del Sassuolo: una squadra che fa il 47% di possesso palla (non tra le peggiori del campionato) con una precisione del 64,6% e che ha una supremazia territoriale di oltre 10 minuti a partita, che la pone nella prima metà della Serie A. A rendere palesi i limiti della formazione di Di Francesco sono altre due statistiche: quella relativa ai tiri nello specchio della porta, poco più di quattro e mezzo a incontro, e quella della pericolosità, che si assesta sul 43% scarso e ne fa la quindicesima squadra del torneo. Come dire: il gioco e l'idea di costruire ci sono, quello che manca è la finalizzazione. Tant'è vero che Jasmin Kurtic ha distribuito 20 assist fino a oggi, ma di vincenti ce ne sono appena 2, mentre i gol realizzati dagli emiliani sono appena 7. Difficile salvarsi, questo si sapeva ampiamente; la strada intrapresa è però ambiziosa e coraggiosa, cioè non venir meno alla filosofia di un calcio propositivo e impostato sui giovani, con qualche elemento di esperienza a dare una mano (come Floro Flores). Anche domani l'ex Udinese e Genoa dovrebbe avere la meglio su Zaza (che viene da un gol divorato a Catania), Berardi confermatissimo  al suo fianco mentre per il resto dovrebbe cambiare poco. Ancora fiducia a Schelotto, nonostante prove decisamente opache. 

QUI UDINESE - Incredibile quello che sta succedendo ai bianconeri, che in casa hanno un rendimento tutto sommato da Europa (al netto della sconfitta contro la Roma che ci poteva stare) ma in trasferta non hanno ancora raccolto punti. Dopo 9 giornate probabilmente non è più un caso, anche perchè la squadra cambia radicalmente il suo modo di stare in campo. Rimane una formazione, quella di Guidolin, sapientemente istruita dal punto di vista tattico e che sa tenere la palla (53% di possesso a incontro) ma è clamorosamente deficitaria dal punto di vista della pericolosità (43,7%) e tiri che finiscono nello specchio della porta (4 a partita, solo quattro squadre fanno peggio). Insomma, si tratta di una compagine che sviluppa gioco e occupa la metacampo avversaria, ma poi non riesce a concludere. Sono 9 i gol realizzati, decisamente pochi se hai gente come Di Natale (3) e Muriel (2) a guidare l'attacco. Manca un uomo che sappia mandare in rete le punte: per il momento Heurtaux, Badu e Muriel hanno un assist vincente a testa, Allan a volte ha propositi di ultimo passaggio (12) ma non è ancora a tabellino per un passaggio decisivo. Guidolin prosegue con il 3-5-1-1: ha già ritrovato Brkic che potrebbe tornare in campo, non ancora Domizzi dato in dubbio (ma almeno sarà in panchina). Torna titolare Basta, quindi a farne le spese è Badu che va in panchina, dove c'è anche Maicosuel come arma tattica da schierare nel secondo tempo. 

© Riproduzione Riservata.