BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Verona-Sampdoria (2-0): i voti e il tabellino della partita (Serie A 2013-2014, decima giornata)

Pubblicazione:giovedì 31 ottobre 2013 - Ultimo aggiornamento:giovedì 31 ottobre 2013, 0.47

Hellas Verona

Rafael 6,5: cresciuto nella cantera del Verona è la certezza che milita tra i legni. Dirige, comanda e fa sentire la voce a tutto il reparto. Costruisce una ragnatela durante i 90 minuti e quando obiang cerca di frantumarla, ormai è troppo salda. Non si passa. Spaiderman Do Brasil

Cacciatore 6: per fortuna della Sampdoria non ha voluto timbrare il cartellino con il quarto sigillo stagionale. Il sogno scaligero parte dalle retrovie e lui è il procreatore. Pensa il grande, pensa alle notti europee. Cacciatore di sogni

Maietta 6: prova convincente, dopo la delusione di San Siro. Specchiandosi e guardandosi allo specchio si sente bello e con lui tutto il Verona. Bisogna essere felici, è tornato il capitano. Il vanitoso

Albertazzi 7: l'irreprensibile albertazzi, non pensavo potesse essere capace di una prestazione del genere. Chiude la saracinesca, oggi è il giorno di festa, non si lavora. Bottegaio

Gonzalez 6: altra sufficienza, partecipa anche lui al festival dei complimenti. Prestazione superlativa e senso della posizione da premio nobel per la pace. Red Carpet

Hallfredsson 6,5: l'uomo di ghiaccio e dominatore delle renne. Prende il mantello regale, indossa la corona e prende lo scettro del centrocampo distribuendo pane al suo popolo. Cerca il più volte il tiro dai 25 metri, senza fortuna. Il re d'Islanda.

Laner 6: l'umile servo del re nordico a cui vengono commissionati incarichi su incarichi. Corre e diputa una partita di quantità a dispozione di chi è a capo della piramide sociale. Servo et Humanitas

Jorginho 6: il liutaio del Bentegodi. Distribuisce violini e strumenti a pizzico per tutta la squdra. Predilige un ritmo veloce-allegro con accellerazioni repentine e improvvise alla stravinskij. Direttore della quinta sinfonia in campionato. L'uccello di fuoco.

Gomez 6: se non fosse stato per il gol saremmo a qua a parlare di un altro giocatore. Sblocca il risultato e questo lo trasforma da inetto a supereroe, da mr.nessuno a salva squadra; trasforma pure i fischi in applausi. The prestige

Martinho 5,5: il peggiore dei suoi. Amante dei riflettori e delle telecamere non sa giocare se non sono puntate tutte su di lui. Si riscopre acerbo e immaturo. Violino scordato

Toni 7,5 (migliore): bisogna prendere il primo aereo per New York ed esporlo al MOMA (museum of modern art). Arte moderna, arte all'avanguardia per un pittore ormai definito dai critici come finito, sorpassato. Un gol ed un assist ancora più bello che gli permettono di avere un posto insieme ai più grandi di sempre. Impressionismo.

Mandorlini 6: Direttore e sceneggiatotre di una squadra fantastica. Ha il merito di dare ad ogni attore la giusta parte. Il copione in casa tanto è già scritto.

(Francesco Ballerini)


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >