BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Inter-Roma: i voti e il tabellino della partita (Serie A)

Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto) Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto)

INTER - ROMA: I VOTI DELLA SQUADRA CAPITOLINA
De Sanctis, 6,5: sicuro nelle uscite e nei pochi interventi che compie. Mette sicurezza ad una retroguardia che fino ad ora sembra perfetta.
Torosidis, 6,5: contiene chiunque passi dalle sue parti e spinge aiutando Gervinho a mettere in difficoltà l'Inter su quella fascia.
Benatia, 7: non sbaglia un intervento, fisicamente fortissimo, respinge tutti i palloni che passano dalle sue parti. Grande prestazione.
Castan, 7: come il compagno di reparto è preciso e concentrato, non butta via i palloni e difende altissimo in modo da non dare profondità agli attaccanti avversari.
Balzaretti, 5,5: soffre un po' su Alvarez e Guarin, cosa che gli costa l'espulsione. Non è che commetta errori gravi, ma dal suo lato nascono i maggiori pericoli per i giallorossi.
Pjanic, 6,5: mette ordine a centrocampo con buoni piedi al servizio della squadra; inoltre recupera anche diversi palloni; esce per infortunio. (Taddei, dal 57' del s.t., senza voto).
De Rossi, 7: recupera tantissimi palloni e li imposta, coprendo la sua difesa in maniera ottimale.
Strootman, 7: tanta corsa, un assist, tanti recuperi e nessun pallone buttato via. Fa più di quello che gli viene chiesto.
Florenzi, 7: va in gol, rischia di trovare il raddoppio, si inserisce sempre con i tempi giusti e aiuta anche in fase di recupero del pallone.
Totti, 8: due gol, uno dal dischetto e uno su tiro dal limite dell'area, tantissime giocate e nasconde il pallone agli avversari con una facilità impressionante.
Gervinho, 7,5: da solo mette in crisi tutta la retroguardia nero azzurra, servendo l'assist per il primo gol di Totti e guadagnandosi il rigore. Unica pecca è un gol sbagliato nel secondo tempo.
All., Rudi Garcia, 8: sette giornate, sette vittorie, 20 gol fatti, 1 subito. Cosa chiedergli di più?

 

(Matteo Lambicchi)