BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Italia Germania (1-1): Top e Flop. Ecco i voti della partita (amichevole)

Pubblicazione:venerdì 15 novembre 2013 - Ultimo aggiornamento:sabato 16 novembre 2013, 10.32

Italia

Buffon, 6: non è super impegnato, anche perchè sui tiri avversari sono sempre i legni a salvarlo. Nelle occasioni che contano si fa trovare pronto.

Abate, 6,5: attento in fase difensiva, annulla i diversi attaccanti e poi trova la sua prima rete in nazionale con un bellissimo diagonale.

Barzagli, 6: concentrato e attento su ogni pallone, importante in fase di chiusura e di anticipo; esce per infortunio leggero (Ogbonna, dal 70', senza voto)

Bonucci, 5: troppi errori gravi in fase di impostazione cancellano le buone cose che fa; ogni tanto regala palloni sulla trequarti agli avversari e in queste occasioni l'Italia rischia di prendere gol.

Criscito, 5,5: buona corsa e buone offensive sulla sinistra, non tanto bene in fase difensiva dove i tedeschi dalla sua parte entrano senza problemi.

Marchisio, 6: tanta corsa e tanti inserimenti; rischia di trovare il gol ad inizio ripresa ma non è sempre nel vivo dell'azione e spesso si isola.

Pirlo, 6,5: non sbaglia un pallone, ne recupera alcuni importanti, fa sembrare cose difficili facili e rischia di trovare il gol da punizione. (Cerci, dal 82', senza voto).

Motta, 5,5: recupera palloni e li gestisce non tutti bene; poi si innervosisce e commette diversi falli inutili.

Montolivo, 5,5: impreciso in diverse occasioni, soffre a centrocampo e spesso va in difficoltà.

Osvaldo, 5,5: si muove tanto e cerca tanto il pallone, ma spesso se ne innamora, perdendo in alcuni casi molto facili palloni utili alla causa. Viene sostituito e non la prende bene. (Candreva, dal 52', 6: entra e mette vivacità all'attacco azzurro).

Balotelli, 6: cerca di reggere l'attacco sulle sue spalle, fa sponde e guadagna falli, però tira raramente in porta e questa è la pecca della sua partita.

All. Prandelli, 6: dispone in campo una squadra che sa aggredire e creare pericoli agli avversari, ma che subisce molto e sulla fase difensiva c'è sicuramente molto da lavorare.

(Matteo Lambicchi)


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >