BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Lazio-Genoa, ultime novità (Serie A, undicesima giornata)

Pubblicazione:sabato 2 novembre 2013 - Ultimo aggiornamento:domenica 3 novembre 2013, 10.27

immagine d'archivio immagine d'archivio

PROBABILI FORMAZIONI LAZIO-GENOA (SERIE A, UNDICESIMA GIORNATA) – La Lazio, dopo il buon pareggio di San Siro contro il Milan grazie all’incornata di Ciani, ospita il Genoa all’Olimpico. La squadra di Petkovic, dopo un avvio molto altalenante, ha ottenuto 4 punti nelle ultime due uscite e punta così a dare continuità al trend positivo. Ma i rossoblù, anch’essi protagonisti di una partenza con il freno a mano tirato sotto la gestione Liverani, hanno ben risposto alla cura Gasperini che ha raccolto 7 punti da quando è tornato a Genova. Ora il Grifone ha 11 punti. Il gol di Gilardino ha regalato, nel turno infrasettimanale, tre punti d’oro che sanno d’ossigeno nel match casalingo contro il Parma di Donadoni. Il Gasp tiene sull’attenti i suoi, conscio di come la trasferta nasconda tante inside, dichiarando come i suoi vadano nella Capitale per tornare con almeno un punto. Dalla loro, i biancocelesti (a quota 15 punti) dovranno fare i conti con l’emergenza difesa. Petkovic avvisa tutti: “Non sottovalutiamo il Genoa”.

PROBABILI FORMAZIONI LAZIO-GENOA (SERIE A, UNDICESIMA GIORNATA): LE NOTIZIE ALLA VIGILIA – Come già sottolineato i padroni di casa sono alla ricerca di quella continuità che finora è mancata, ma forti del ritorno in campo di Miroslav Klose (già in scena al Meazza), affrontano il match con i favori del pronostico. È allarme in difesa: Dias, Novaretti e Lulic sono out, e Petkovic è chiamato a ricostruire gli assetti di un reparto difensivo non certo affidabilissimo: le 13 reti subite lo testimoniano. Il Grifone è a caccia di punti salvezza (che rimane l’obbiettivo primario del club) e dopo un avvio choc, sembrano aver imboccato la strada buona, grazie al lavoro di Gasperini che ha rimesso sui binari giusti i suoi, scoraggiati da una partenza davvero sottotono. Ma anche nelle fila del Genoa vi sono defezioni di primo piano: Vrsaljko, Santana e Calaiò sono fermi ai box. Sarà allora bomber Gilardino a caricarsi sulle spalle il peso di un attacco che dovrà garantiere quei gol per rassicurare i tifosi di fede genoana, senza fargli patire un finale di stagione in bilico tra la Serie A e il campionato cadetto. L’arbitro dell’incontro sarà il signor Tommasi, mentre i guardalinee designati saranno Stallone e Giachero. Il quarto uomo sarà Tasso e i due giudici di porta Guida e Baracani. Fischio d’inizio domenica pomeriggio al canonico orario delle 15.00.

QUI LAZIO – Petkovic, come ricordato, ha i suoi problemi vista una difesa vittima di troppe defezioni ai quali il mister dovrà trovare la contromossa vincente. Un punto non servirebbe a niente, visto che già la zona Champions, ma anche la stessa Europa League non è certo a un passo. Le speranza dei tifosi laziali sono tutte riposte in Klose, tornato in campo mercoledì sera contro il Milan a San Siro. Soliti problemi di formazione, con l’aggiunta di Radu, acciaccato e in forte dubbio. Nel caso in cui dia forfait è pronto Ledesma nell’inedito ruolo di centrale difensivo di fianco a Ciani, a difesa dei pali dove giocherà Marchetti. Sui terzini Cavanda e Pereirinha. A centrocampo dovrebbero partire titolari Onazi, Ledesma (o Ederson se Radu non dovesse farcela) ed Hernanes. Candreva e Felipe Anderson dietro a Klose.

QUI GENOA – La vittoria contro il Parma ha dato fiducia e coraggio a una squadra che ne aveva in gran bisogno. Gasperini sembra aver rivitalizzato un ambiente spento e demotivato, portando una ventata di voglia di fare che ha sempre caratterizzato il tecnico piemontese. La squadra è chiamata a una prestazione di carattere e personalità fuori casa, dove non ha ancora vinto, se consideriamo il derby vinto (in trasferta) con la Sampdoria una partita comunque tra le mura amiche. Assenze importanti anche per il Grifone; peserà l’ottimo apporto del giovane Vrsaljko Solito 3-4-3: davanti a Perin giocheranno Antonini, Portanova e Manfredini. A centrocampo troveremo invece Kucka, Matuzalem e Biondini a fare la diga e con Antonelli e Marchese sugli esterni. In attacco Alberto Gilardino verrà supportato da Fetfatzidis. Il Gasp sembra così intenzionato a lasciare un turno di riposo a Berolacci, un po’ evanescente nelle ultime uscite dei rossoblù.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.