BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Bologna-Inter, ultime novità (serie A, tredicesima giornata)

Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto) Un'immagine di un precedente tra le due squadre (Infophoto)

Domani sera, alle ore 20:45, l’Inter chiuderà il turno domenicale di questa tredicesima giornata del campionato di Serie A 2013-2014, con la speranza che, le dirette concorrenti non riescano a fare risultato. Di fonte, però, si troveranno un Bologna più agguerrito che mai dopo il pareggio casalingo contro il Chievo e la sconfitta beffa di Bergamo contro l’Atalanta a causa di ben due incertezze di Curci, finito sul banco degli imputati dopo questo primo scorcio di stagione che l’ha visto protagonista di topiche purtroppo decisive ai fini della classifica. I nerazzurri, dal canto loro, non possono permettersi di sbagliare, altrimenti rischierebbero di vedersi sfuggire da sotto gli occhi il treno che porta ai preliminari di Champions League. Il campionato, però, è ancora lungo, ed entrambe le squadre sono ancora pienamente in lotta per i rispettivi obbiettivi. Per ora, eccovi le probabili formazioni e le notizie alla vigilia di Bologna-Inter.

Buone notizie per Stefano Pioli, il quale ha potuto approfittare della sosta per recuperare Natali, fermo ai box da tempo a causa di una lesione al bicipite femorale, proprio come il suo compagno di reparto Mantovani, ma per l’ex di Palermo e Chievo i tempi sembrano essere più lunghi. Il centrale ex Fiorentina, dunque, potrebbe tornare a guidare la difesa con Antonsson e Sorensen centrali più Morleo e Garics esterni. A centrocampo, Khrin dovrebbe fare reparto con Pazienza, mentre Konè verrebbe avanzato sulla trequarti insieme a Diamanti in modo d’aumentare lo spessore del reparto offensivo, il quale sarà composto solamente da Cristaldo. Fondamentale sarà l’apporto del capitano rossoblu, il quale, dall’inizio di stagione, si è dimostrato l’uomo più propositivo della sua squadra, come dimostrano i 30 assist tentati e le 3 reti segnate sulla bellezza di 48 tiri totalizzati. Altrettanto importante potrà essere l’apporto del centrocampista greco che, nonostante fosse costretto a giocare molto arretrato, ha mostrato tutte le sue qualità offensive in virtù dei suoi due gol su 23 tiri totali ed 11 assist tentati in favore dei propri compagni 

A parte il solito dubbio tra Taider e Kovacic (con il franco-algerino favorito sul croato), Walter Mazzarri non ha molto l’imbarazzo della scelta considerata la squalifica di Ranocchia e la lista dei soliti infortunati Milito, Chivu e Icardi a cui, in ultimo, si sono aggiunti anche Samuel e Kuzmanovic. Spazio, dunque, al consueto 3-5-1-1 con Campagnaro, Rolando e Juas Jesus a protezione di Handanovic tra i pali, a centrocampo, Jonathan e Nagatomo presidieranno rispettivamente la corsia di destra e quella di sinistra, mentre, in mezzo, Taider ed Alvarez giocheranno ai lati di Cambiasso nei panni di vertice basso. Sembra aver funzionato l’esperimento di Guarin a fare da collante tra il centrocampo e la difesa, e, per questo motivo, il tecnico nerazzurro dovrebbe riproporlo alle spalle del solo Palacio, per formare nuovamente la coppia d’attacco più pericolosa della squadra. Il colombiano, infatti, ha totalizzato 2 assist vincenti ed 1 gol su 37 tiri e 14 passaggi tentati, mentre l’argentino è il capocannoniere della squadra in virtù di 7 reti e 4 assist vincenti su 22 tiri (segno di una discreta concretezza) e 15 passaggi tentati. Da non sottovalutare, inoltre, il grande lavoro che svolge Ricky Alvarez, il quale, pur partendo da dietro, riesce comunque ad essere pericoloso quanto all’inizio, ovvero quando veniva schierato da trequartista.

© Riproduzione Riservata.