BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Juventus-Copenaghen: ora sono ufficiali, così in campo! (Champions League, gruppo B)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

PROBABILI FORMAZIONI JUVENTUS – COPENAGHEN, PADOIN IN CAMPO - Sorpresa Conte: il tecnico salentino decide di schierare dal primo minuto Simone Padoin sulla fascia destra a centrocampo, perchè Caceres va a comporre il terzetto arretrato. Chiara l'idea: Padoin è tatticamente più duttile e soprattutto Conte vuole mantenere la posizione centrale di Bonucci, che sul centrodestra perde molto del suo potenziale. Solo panchina dunque per quanto riguarda Ogbonna, davanti confermato il tandem Tevez-Llorente, Pogba in campo. JUVENTUS (3-5-2): 1 Buffon; 4 M. Caceres, 19 Bonucci, 3 Chiellini; 20 Padoin, 23 Vidal, 21 Pirlo, 6 Pogba, 22 Asamoah; 10 Tevez, 14 Llorente. A disp: 30 Storari, 5 Ogbonna, 13 Peluso, 11 De Ceglie, 8 Marchisio, 27 Quagliarella, 9 Vucinic. Allenatore: Conte

PROBABILI FORMAZIONI JUVENTUS – COPENAGHEN, GLI ASSENTI – Mister Solbakken dovrà rinunciare soltanto all’infortunato Braaten, mentre Conte per l’ennesima volta non potrà contare su Lichtsteiner e Pepe, ai box da diverso tempo (l'esterno romano ha giocato venti minuti dal luglio 2012 e non è dato sapere quando potrà rientrare in campo) ai quali di recente si sono aggiunti anche Giovinco, Isla e Barzagli. Situazione non facile per il tecnico salentino, che anche per questo motivo ha deciso di tornare al 3-5-2. 

PROBABILI FORMAZIONI JUVENTUS – COPENAGHEN, I BALLOTTAGGI – Non dovrebbero esserci molte novità per la Juventus, ma come di consueto non sono da escludere i possibili colpi di scena, quali l’utilizzo di uno tra Quagliarella e Vucinic al posto di Llorente, che però visto l'ottimo stato di forma dovrebbe nuovamente essere schierato titolare da Conte; per quanto riguarda il Copenaghen, lo schieramento di Jorgensen nel suo ruolo originale di esterno mancino anziché da seconda punta in appoggio a Vetokele, annunciato alla vigilia, potrebbe essere accantonato per riproporre il primo sulla linea d'attacco.

PROBABILI FORMAZIONI JUVENTUS-COPENAGHEN, I PROTAGONISTI – La Juventus non può assolutamente fallire questa sera come accaduto nel girone d’andata, quando non riuscirono ad andare oltre all’1-1, rimediando la stessa figurata fatta soltanto un anno fa contro il Nordsjaelland. La speranza dei tifosi bianconeri, è che la propria squadra, esattamente come un anno fa contro gli altri danese, riesca a tirare fuori le unghie e ad ottenere una netta vittoria che li rilanci verso la qualificazione, mentre i tifosi ospiti possono sperare soltanto in un miracolo per vedere la loro squadra proseguire o negli ottavi di Champions, oppure ai sedicesimi di finale di Europa League. Per riuscire nel rispettivo intento, però, le due compagini avranno bisogno dell’apporto dei loro uomini chiave. Juventus, il protagonista è… Tevez – La punta argentina, arrivata dal Manchester City a prezzo di saldo, in campionato sta andando a mille, ma in Champions sta faticando parecchio dal punto di vista realizzativo, come dimostrano le zero marcature in quattro giornate disputate nella fase a gironi. Dopo cinque anni in cui non segna in una competizione internazionale, quale occasione migliore per sbloccarsi e tornare ad essere anche in Europa l’Apache che tutti conoscono? Copenaghen, il protagonista è… Vetokele – Si tratta dell’ennesimo prodotto di belle speranze del calcio belga. Si tratta di un attaccante che, nonostante i suoi appena centosettantatre centimetri di altezza, ha dimostrato una grande esplosività ed un’ottima prestanza fisica, un po’ come Obafemi Martins ai tempi dell’Inter. Forse, a causa dell’inesperienza dovuta alla sua giovane età (è del 1992), non è mai stato un grande bomber, ma, quest’anno, con il suo club, ha già totalizzato otto gol in sedici partite, anche la Champions è l’unica competizione in cui non è ancora riuscito a timbrare il cartellino, dato che ha giocato soltanto ad Istanbul contro il Galatasaray. Chissà che non riesca a sbloccarsi proprio stasera…

PROBABILI FORMAZIONI JUVENTUS-COPENAGHEN (CHAMPIONS LEAGUE 2013-2014, GRUPPO B): LE ULTIME NOTIZIE – Partita da vincere ad ogni costo: questa è Juventus-Copenaghen per i bianconeri. Obiettivo chiarissimo, dunque, stasera alle ore 20.45 allo Juventus Stadium, nella sfida valida per la quinta giornata del gruppo B di Champions League, che al momento vede i campioni d'Italia clamorosamente ultimi. Nulla è compromesso, ma è chiaro che in casa contro la teorica 'Cenerentola' del girone (che ha un punto in più della Juventus) sarà consentito solo vincere se i bianconeri vorranno raggiungere gli ottavi della massima Coppa europea. Ecco perché una partita che era considerata sulla carta facile è diventata fondamentale: un match da vincere, appunto. Eccovi allora le probabili formazioni e le notizie su Juventus-Copenaghen, che sarà arbitrata dallo svedese Eriksson.

FORMAZIONE JUVENTUS – Antonio Conte è stato molto chiaro in conferenza stampa: “Contro il Copenaghen sarà una partita fondamentale, senza un domani. Ci sarà un domani solo se vinceremo, altrimenti no. Dobbiamo fare tre punti a tutti i costi, non vedo altre possibilità. Il primato in Serie A non cambia nulla, non avrebbe cambiato nulla nemmeno se la Roma avesse battuto il Cagliari. Dobbiamo solo pensare a noi e a migliorare. Questa è una sfida fondamentale e molto difficile, da vincere assolutamente se vogliamo andare agli ottavi. Abbiamo il vantaggio di sapere che dobbiamo vincere per forza, non ci sono alternative, ma allo stesso tempo dover fare tre punti per forza rende la partita complicata. Barzagli la settimana scorsa ha lavorato per recuperare, da ieri è tornato ad allenarsi con noi, ma non è a disposizione. In rosa ci sono sostituti come Caceres, che sta facendo bene. Barzagli tornerà con i tempi giusti, con l'Udinese. Cerchiamo di utilizzare il sistema migliore per noi, quello che ci può dare maggiori garanzie. In Champions abbiamo utilizzato sia il 4-3-3 sia il 3-5-2, in campionato abbiamo ritrovato solidità difensiva grazie al 3-5-2. A Firenze i 15 minuti di blackout ci hanno fatto perdere l'imbattibilità, però dopo quella sconfitta abbiamo ritrovato intensità e la voglia di essere protagonisti. Non penso che i nostri tifosi sciopereranno. Per noi sono fondamentali, ci hanno spinto verso traguardi incredibili, non penso che ci abbandoneranno nel momento in cui dobbiamo stringerci per la vittoria, non oso nemmeno immaginarlo. Llorente è stato bravo: è arrivato da campione affermato, ha vinto tanto con la Spagna e fatto bene con l'Athletic e ha avuto la voglia e la pazienza di lavorare con sacrificio. È in crescita e ha ancora ampi margini, è un giocatore completo e moderno, non il tipico centravanti d'area. In lui vediamo tutte le qualità che ci hanno convinto a portarlo a Torino. Tevez ci ha sorpreso, ma non dimentico Quagliarella, Giovinco, Vucinic, gente che ci ha fatto vincere tanto. Giocheranno quelli che mi daranno garanzie, non guardo i giocatori in faccia ma dai piedi al collo. Oggi Tevez e Llorente stanno facendo molto molto bene, si sono guadagnati i gradi da titolare sul campo”. Nessun dubbio dunque in attacco, discorso diverso invece negli altri reparti: in difesa favorito Ogbonna su Caceres per sostituire Barzagli, anche perché il sudamericano dovrebbe invece fare l'esterno destro di centrocampo. Se invece Caceres scalerà in difesa, entrerà Padoin. L'altro dubbio è nel cuore del centrocampo: Pogba e Pirlo sicuri, il terzo dovrebbe essere Vidal, che però è diffidato, e fra due settimane si va ad Istanbul. Se Conte dovesse decidere di non rischiarlo, ipotesi comunque improbabile perché oggi bisogna vincere, il sostituto sarà all'altezza: parliamo infatti di Marchisio.

PANCHINA JUVENTUS – La composizione esatta della panchina dipenderà dalle scelte del mister, ma alla fine dovremmo trovare fuori dagli undici titolari Marchisio e Padoin. Oltre a loro, saranno a disposizione Vucinic e Quagliarella in attacco, e poi Storari, Peluso e De Ceglie. Non mancheranno dunque grandi nomi, almeno da centrocampo in su.

INDISPONIBILI JUVENTUS – Problemi soprattutto in difesa, dove manca Barzagli, e sulle fasce, dove è vera emergenza, visto che mancano Isla, Lichtsteiner e Pepe. In avanti invece è indisponibile il solo Giovinco.

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE LE PROBABILI FORMAZIONI DI JUVENTUS-COPENAGHEN (CHAMPIONS LEAGUE 2013-2014, GRUPPO B)



  PAG. SUCC. >