BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Verona-Cagliari (2-1): i voti della partita (Serie A, undicesima giornata primo tempo)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Infophoto  Foto Infophoto

PAGELLE CAGLIARI

Agazzi 5,5: Anche dalla sua parte non arrivano molti palloni e sui due gol non ha molte colpe.

Rossettini 4,5: Vederlo giocare è una sofferenza. Lopez lo schiera sulla fascia destra per cercare di contenere Iturbe. Ma lui non riesce mai a fermarlo. Colpevole sul raddoppio del Verona quando perde di vista Jankovic in area.

Ariaudo 5,5: Prova a seguire le indicazioni del compagno Astori, ma ogni tanto decide di impostare lui l’azione con esiti disastrosi.

Astori 6: E’ l’unico da salvare nello retroguardia cagliaritana. Per vie centrali non si fa quasi mai superare ed è bravo a far ripartire l’azione.

Avelar 6: Propositivo sull’out di sinistra. Spesso cerca il fondo per il cross e rischia quasi di segnare.

Conti 6,5: Il capitano cerca di impostare le azioni in mezzo al campo ma davanti fanno pochi movimenti. Lotta tantissimo e all’ultimo trova anche il gol per alimentare le speranze dei suoi.

Dessena 6: Buon primo tempo con tante incursioni. Suo il primo tiro di testa per i sardi, nel secondo tempo sparisce dal gioco.

Nainggolan 6: Uno dei pochi pericolosi della formazione sarda, prova spesso il tiro da fuori ma non è fortunato.

Cabrera 4,5: Il peggiore con Rossettini. Sembra un fantasma in mezzo al campo. Non riesce mai ad inserirsi tra le linee per servire le due punte.

(Ibraimi 6: prova il tiro in un paio di occasioni ma non è serata)

Sau 5: Il folletto sardo è schierato titolare ma non entra mai in partita. Pochi movimenti e poca intesa con Nenè. Lascia il campo a fine primo tempo per un dolore al fianco destro.

(Ibarbo 5,5: Da lui Lopez chiede molto di più, pochi movimenti e mai un dribling)

Nenè 5,5: Anche per lui prova insufficiente nonostante abbia provato a far male alla difesa gialloblu in qualche occasione. Ogni tanto si muove tra le linee facendosi vedere, ma sbaglia spesso l’appoggio al compagno di reparto.

(Federico Montanaro)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.