BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Pagelle/ Genoa-Torino: i voti della partita (Serie A 14esima giornata)

Lo stadio di Marassi (Infophoto) Lo stadio di Marassi (Infophoto)

Perin 7,5 (migliore): dopo la grande prestazione con il Milan, il giovane portiere italiano si conferma super e salva il risultato almeno cinque volte dagli assedi del toro.

Portanova 6,5: soffre la mobilità di Immobile per tutti i novanta minuti, per fortuna a Perin dietro che lo copre. Sui calci piazzati le prende tutte lui, ha una calamita in testa.

Antonini 6,5: altra gran partita dell’ex milanista che si adatta a più ruoli nel corso della partita: sia come centrale che come esterno. In entrambi non sfigura, anzi dimostra tranquillità e consapevolezza dei propri mezzi.

Marchese 6: compie il suo dovere e cerca anche più volte il tiro da fuori. In difesa si fa sorprendere da Cerci più volte, ma riesce sempre a rimediare e metterci una pezza.

Vrsalijko 6,5: ottima prestazione dell’esterno croato che spinge con continuità sulla sinistra creando disordine nella metà campo granata. Colpisce anche un palo che avrebbe fatto crollare il Ferraris; peccato.

Biondini 6,5: prestazione non ottima del centrale rosso-blu impreziosita da un gol che vale il pareggio finale. Per tutti quelli che dicono che non ha i piedi buoni andatevi a vedere il gol in controbalzo

Matuzalem 6: non solo tira calcioni e recupera palloni, sta sera inventa gioco e catalizza palloni giocabili. Molta fiducia su di lui sta sera

Antonelli 6: si sacrifica per la squadra in più occasioni immolandosi addirittura sul tiro di Fernerud.  In difesa si trova sempre più a suo agio.

Centurion 5: schierato al primo minuto da Gasperini per poter sfruttare la sua tecnica, si fa trovare impreparato all’appuntamento. Pochi palloni  giocati male. Giusta la sostituzione. (Fetfatzdis 6,5: risolve la partita con una sua accelerazione palla al piede. Non sarà proprio Messi, ma per essere decisivo lo è )

Kucka 5,5: ): mai incisivo e testardo. Cerca di dimostrare a sé stesso che può prendere per la mano la squadra, ma non ci riesce. Cerca spesso il tiro ma finiscono sempre in mare.

Gilardino 6: partita giocata tutta spalle alla porta a disposizione dei compagni di squdra con sponde e utili aperture. Senza di lui non ci sarebbe gioco.