BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Champions League/ Milan e Napoli si qualificano se... (situazione alla quarta giornata)

Foto Infophoto Foto Infophoto

La situazione: Chelsea 9, Schalke 04 6, Basilea 5, Steaua Bucarest 2. C'è ancora molta incertezza nel girone, anche se il Chelsea è padrone del suo destino e si qualifica pareggiando contro il Basilea. Lo Schalke 04 ha subito un doppio 0-3 dai Blues e si è complicato la vita: per accedere agli ottavi deve battere il Basilea, oppure sperare in risultati favorevoli. In corsa anche la Steaua Bucarest di un Piovaccari che continua a segnare: deve vincere due partite e sperare che il Basilea non batta il Chelsea, altrimenti dovrà puntare su risultati favorevoli. E' comunque probabile che la gerarchia non cambierà e che inglesi e tedeschi passeranno a braccetto agli ottavi. Occhio però al Basilea: se batte lo Schalke (ma gioca a Gelsenkirchen) se la gioca alla grande, dovendo sperare che lo Steaua abbia già frenato i tedeschi oppure fermando il Chelsea. Gli stessi Blues non sono al sicuro, potendo essere sorpassati. In questo senso conterà tanto non perdere al St. Jakob il prossimo 26 novembre. 

La situazione: Atletico Madrid 12, Zenit San Pietroburgo 5, Porto 4, Austria Vienna 1. Situazione aperta, al di là dei Colchoneros che sono già qualificati e certi del primo posto. Russi e portoghesi se la giocano, e non è fuori nemmeno l'Austria Vienna che, vincendo le ultime due partite, sarebbe certo degli ottavi di finale (viceversa dovrebbe aver battuto lo Zenit, pareggiato con il Porto e aver visto i lusitani perdere contro il Chelsea, sempre che lo scontro diretto a sfavore sia stato ribaltato). Più facile che la lotta riguardi Zenit e Porto: lo scontro diretto sorride ai russi che si qualificano in caso di arrivo a pari punti. Il sorpasso per i lusitani passa necessariamente da una vittoria contro l'Austria Vienna (lo Zenit ci gioca in trasferta) e dalla speranza che lo Zenit non batta l'Atletico Madrid, cosa che i portoghesi sarebbero comunque costretti a fare.

(Claudio Franceschini)

© Riproduzione Riservata.