BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Pagelle/ Lazio-Apollon Limassol (2-1): i voti della partita (Europa League, gruppo J)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Sergio Floccari, doppietta nel primo tempo (Infophoto)  Sergio Floccari, doppietta nel primo tempo (Infophoto)

LE PAGELLE DELLA LAZIO

Berisha 6,5: Il portiere albanese non è quasi mai chiamato in causa, ma nel secondo tempo è lui a salvare il risultato sul tiro di Papoulis.

Konko 5,5: Si vede che appena tornato dall’infortunio, spinge poco in avanti e dietro fa un po’ di fatica a contenere Papoulis.

(Novaretti 5,5: L’argentino non entra bene in partita facendosi sorprendere su un traversone, poi si fa anche male alla schiena)

Cavanda 6: Il terzino spinge molto e ha grandi polmoni ma non riesce mai ad essere incisivo.

Cana 5: In una partita del genere non puoi permetterti di regalare il pallone che rimette in partita i ciprioti.

Ciani 6: Un po’ meglio del compagno di reparto, blocca alcune iniziative dell’Apollon ma sul finale anche lui è un po’ incerto.

Candreva 6: Siamo abitutati a ben altre prestazioni da lui, anche se non si tira mai indietro e prova sempre a trovare il fondo o a far male su punizione.

Ederson 5: Partita nell’oscurità per il brasiliano, in mezzo al campo fa fatica a spiccare. Nel secondo tempo viene anche sostituito. (Ledesma s.v.)

Onazi 6,5: Tanto cuore per il centrale, recupera palloni e talvolta prova anche la soluzione in verticale.

Hernanes 6: Non è il profeta di un tempo, Petkovic lo mette più arretrato del solito e il brasiliano fa fatica ad ambientarsi. Riesce a rendersi pericoloso solo in occasione di una punizione respinta da Bruno Vale.

Keita 7: Il ragazzo spagnolo, cresciuto nelle giovanili del Barcellona, è il più pericoloso dei suoi. Intraprendente, prova sempre il dribbling ed è una spina nel fianco nella difesa cipriota. Decisivo in entrambe le occasioni dei gol laziali. (Perea s.v.)

Floccari 7,5: Il centravanti è il migliore in campo non solo grazie alla doppietta che regala la vittoria a Petkovic, ma anche per i continui movimenti che destabilizzano la retroguardia avversaria.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >