BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta/ Spezia-Cesena (risultato finale 2-1): Stroppa salva la panchina! (Serie B)

Live Spezia Cesena: diretta, risultato e cronaca. Alle 20,30 di questa sera si apre ufficialmente la tredicesima giornata di Serie B, si affrontano due squadre con ambizioni importanti

Giovanni Stroppa, prima stagione sulla panchina dello Spezia (Infophoto) Giovanni Stroppa, prima stagione sulla panchina dello Spezia (Infophoto)

E lo Spezia arriva al raddoppio (in superiorità numerica dal 60' per l'espulsione di Capelli) con un bel gol in girata di Catellani su cross di Carrozza. Un po' di fortuna ma anche tanta coordinazione per Catellani che ha messo alle spalle di Coser un pallone molto difficile.

Il pareggio dello Spezia arriva su calcio d'angolo, il primo della partita. Pallone lungo e sponda (al limite del fallo in attacco) di Ceccarelli che scodella di nuovo al centro. Lisuzzo superato dal pallone tenta una rovesciata alla disperata ma pesca un gol bellissimo (e pesantissimo). Coser è parso in netto ritardo.

Il Cesena va in vantaggio con un bellissimo gol di Defrel che alla tre quarti si libera per il tiro e quasi cadendo scodella una sorta di cucchiaio che a mezza altezza si insacca a fil di palo ingannando Leali.

Leali, Baldanzeddu, Ceccarelli, Lisuzzo, Migliore, Bovo, Appelt, Seymour, Carrozza, Ebagua, Sansovini. In panchina: 22 Valentini, 7 Sammarco, 10 Moretti, 11 Magnusson, 15 Culina, 18 Henty, 24 Catellani, 28 Berghese, 31 OrsicAllenatore: Stroppa  Coser, Volta, Capelli, Krajnc, Almici, De Feudis, Coppola, Renzetti, D’Alessandro, Succi, Defrel. In panchina: 1 Rossini, 5 Ma.Alhassan, 6 Camporese, 16 Garritano, 18 Ingegneri, 24 Capellini, 30 Arrigoni, 32 Moncini, 38 PedrabissiAllenatore: Bisoli

Alle 20,30 di questa sera si apre la tredicesima giornata del campionato di Serie B 2013-2014. L'anticipo è Spezia-Cesena, una partita importante per le zone alte della classifica. Sono 17 i punti dei liguri, che attraversano un periodo difficile e quindi si sono leggermente staccati dalla vetta; al momento rimarrebbero fuori dai playoff per differenza reti. Il Cesena invece è in grande forma: otto risultati utili consecutivi e il terzo posto in classifica, con 22 punti. Dopo le difficoltà dello scorso anno i romagnoli sembrano essersi ripresi e, pur se l'obiettivo ufficiale resta la salvezza, il rendimento fa pensare che si possa centrare un'altra promozione come era avvenuto nel 2009-2010, quando in panchina c'era Pierpaolo Bisoli, richiamato dopo le esperienze poco felici con Arrigoni e Campedelli (forse l'unico allenatore mai esonerato dal fratello presidente). Una vittoria dello Spezia contribuirebbe ad accorciare la classifica nelle prime posizioni, mentre viceversa un'affermazione del Cesena sarebbe un'occasione per la squadra ospite di allungare rispetto alle inseguitrici. Il pareggio farebbe forse più comodo ai romagnoli, per diversi obiettivi (derivati anche dal budget a disposizione) e perchè naturalmente il fattore campo fa presupporre che siano i liguri a dover cercare maggiormente i tre punti. In più il Cesena ha una tradizione decisamente negativa al Picco: si sono giocate 8 partite (quattro delle quali in Serie C1) e in una sola occasione i romagnoli sono usciti con la vittoria, nella prima fase di Coppa Italia 2005-2006 (1-0). Invece, dopo i primi quattro pareggi consecutivi in C, lo Spezia si è aggiudicato due vittorie consecutive, entrambe per 1-0: nel 2007-2008, stagione culminata con la retrocessione ligure, fu Giudetti a decidere, mentre lo scorso anno decise una rete di Stefano Okaka a inizio ripresa. Un doppio ex, Simone Confalone - cresciuto nelle giovanili del Cesena, anche se non ha mai giocato in prima squadra, è passato alla storia per un gol: quello realizzato, con la maglia dello Spezia, contro la Juventus nella stagione 2006-2007. Pavel Nedved pareggiò nel recupero e finì 1-1, ma fu comunque una grande giornata per la società e tutto il pubblico presente al Picco. 

Lo Spezia è tornato alla vittoria il 26 ottobre: non arrivava da tempo, il 2-1 sul Modena ha contribuito a migliorare la classifica di una squadra che anche quest'anno punta alla promozione in Serie A. La scorsa stagione non è andata bene: dopo un ottimo avvio la squadra si è seduta sugli allori e ha subito la schiacciante pressione di un campionato lungo e impegnativo. Stavolta non si vuole compiere lo stesso errore, e forse non è un caso che la partenza sia stata più lenta ma comunque sempre con la vista sulla zona playoff. Al momento due vittorie, tre pareggi e una sconfitta casalinga: il problema resta quello dell'attacco, perchè i liguri segnano meno di un gol a partita (11) e soprattutto devono registrare un Marco Sansovini che ha certamente giocato meno della metà dei minuti disponibili, ma al momento ha segnato un solo gol. Bene la difesa, dove Nicola Leali, premiato lo scorso anno come miglior portiere della Serie B, si sta ancora una volta mettendo in mostra. Insieme a lui una serie di giocatori che sono decisamente di categoria superiore (clicca qui per le probabili formazioni): da Andrea Bovo ad Andrea Lisuzzo a Paolo Sammarco, passando per Alessandro Carrozza, Emanuel Rivas, Giulio Ebagua (5 gol fino a qui) e qualche giovane in arrivo dai settori giovanili delle big, vale a dire Ezekiel Henty (Milan), Hordur Magnusson e Gabriel Appelt Pires (Juventus). Ha ragione Pierpaolo Bisoli quando dice che lo Spezia ha una rosa da primo posto in campionato: nel suo piccolo, e cioè una stagione in cui il primo obiettivo è salvarsi, il Cesena sta però facendo meglio, con 5 punti in più e una striscia di imbattibilità che si sta allungando (ultimo stop, il 2-1 subito a Palermo). Anche qui ci sono giocatori importanti: Davide Succi (4 reti), Pablo Granoche e Enis Nadarevic (ma gli ultimi due sono indisponibili questa sera), elementi che la categoria superiore l'hanno già assaggiata, così come il leader della difesa Massimo Volta. Il bilancio esterno è ottimo: quella del Barbera è l'unica sconfitta del Cesena lontano dal Manuzzi, per il resto ci sono tre vittorie e un pareggio con sette gol segnati (su un totale di 17) e 4 subiti (10 totali). Bisoli nicchia e si nasconde, ma l'organico è da Serie A; specie in questa stagione, nella quale a parte un paio di realtà c'è molta competizione per la promozione. Non resta allora che vedere se sarà confermata la tradizione positiva dello Spezia al Picco, o se invece il Cesena riuscirà a far valere la maggior fiducia cogliendo una vittoria che sarebbe decisamente importante. Non resta allora che dare la parola al campo e vedere come andrà a finire: la diretta di Spezia-Cesena sta per cominciare…