BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Probabili formazioni/ Chievo Milan, i protagonisti (Serie A, dodicesima giornata)

Pubblicazione:sabato 9 novembre 2013 - Ultimo aggiornamento:domenica 10 novembre 2013, 13.38

immagine d'archivio immagine d'archivio

PROBABILI FORMAZIONI CHIEVO-MILAN (SERIE A, DODICESIMA GIORNATA) – E’ la sfida tra le due squadre più in crisi della Serie A: certo, hanno velleità, diverse, ma entrambe hanno deluso le aspettative (e i tifosi) da due mesi a questa parte. Il Chievo Verona di mister Sannino ospita al Bentegodi il Milan per una sfida che sarà decisiva per gli allenatori in panchina. I veneti, ultimi con appena 5 punti, si aggrappano a Paloschi (ex di turno) per bucare una difesa, quella rossonera, che ha già incassato un’enormità di gol: 19 in 11 giornate, davvero troppi. I padroni di casa sono reduci dallo scialbo pareggio di Verona (0-0), mentre i rossoneri dal tonfo casalingo contro la Fiorentina (0-2) che ha fatto scoppiare di rabbia i tifosi che hanno contestato duramente la squadra per non mostrare alcun attributo e nessuna voglia di fare. Alta tensione: quale panchina salterà? Come già anticipato, il Chievo, ultimo in classifica, non può permettersi di farsi scappare le dirette concorrenti per la salvezza, ma l’impegno di domenica è quanto mai arduo: al Bentegodi arriva un Milan sì malconcio, ma anche ferito e in cerca del riscatto. Per i due mister è la gara della verità: bisogna salvare il posto: la pazienza di tifosie presidenti potrebbe essere finita. Il fischio d’inizio sarò dato dal signor Orsato alle 15.00; gli assistenti di linea sono Giallatini e Dobosz; il quarto uomo sarà Giachero, mentre gli arbitri di porta Gervasoni e Russo. 

QUI CHIEVO VERONA – Sannino ha i suoi grattacapi: il punto di forza delle sue squadre è sempre stata la difesa, ma quest’anno i suoi hanno già incassato 18 reti a fronte di appena 7 gol fatti. Forse, ancora più della difesa, è la fase offensiva a preoccupare, e non poco. I veneti non hanno squalificati, tre infortunati: Calello, Claiton e Bentivoglio. Per il resto Sannino può schierare tutti, compreso Cirill Thereau che è tornato in campo lunedì scorso contro il Bologna dopo l'infortunio nel pre partita contro la Roma. Il tecnico dovrebbe schierare la stessa formazione che ha pareggiato 0-0 al Dall’Ara con due eccezioni:in difesa dovrebbe essere Dramè al posto di Pamic e a centrocampo Hetemaj al posto di Estigarribia. Confermato lo schieramento a 5 dietro, tre in mediana e la coppia Paloschi-Thereau in avanti per far male.

QUI MILAN – A Milanello è notte fonda: il diavolo annaspa e non sembra avere le forze e le cartucce mostrate l’anno scorso per compiere la rimonta. Non parliamo neanche di Scudetto, ma la stessa zona Champions è un miraggio. Allegri non può più sbagliare e nel match di domenica si gioca il futuro. Non sarà della partita Mario Balotelli che, diffidato contro la Fiorentina, è stato nuovamente ammonito facendo  scattare l’inevitabile diffida. Là davanti El Shaarawy e Pazzini sono un mistero e continuano a rimanere in infermeria, che vede la presenza anche di  Silvestre, De Sciglio e Nocerino. C’è però la novità Bonera tra i convocati, che partirà dalla panchina.  Allegri dovrebbe schierare il 4-3-3 con il tridente Robinho-Matri-Kakà; in alternativa è pronto Birsa, ma lo sloveno dovrebbe iniziare ai box. De Jong e Montolivo inamovibili, mentre è ballottaggio per l’ultimo posto a centrocampo tra Poli e Muntari, con l'italiano favorito sul ghanese. Tra i pali dovrebbe tornare titolare Abbiati (già visto a Barcellona), con Gabriel secondo portiere. Sarà il tridente la mossa vincente.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.