BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Probabili formazioni/ Genoa-Verona, ultime novità (serie A, 12^ giornata)

Infophoto Infophoto

Nella giornata di sabato l'allenatore dei veneti Andrea Mandorlini ha rilasciato alcune dichiarazi oni da Peschiera del Garda alla vigilia della delicata trasferta in Liguria. "Il Genoa è reduce da due risultati positivi, un dato favorevole per l'entusiasmo. E' una partita difficile in uno stadio che trasmette, ma partite facili in fondo non ce ne sono mai. Loro hanno pagato un po' l'inizio sotto la gestione Liverani. Gasperini conosce bene l'ambiente, ha riportato la qualità di gioco e delle id ee che all'inizio i giocatori facevano fatica a recepire. Ci sono tutte le premesse e le aspettative affinché ci sia una partita interessante". Il baricentro delle attenzioni si sposta ben presto sui suoi giocatori: "Anche noi comunque siamo in gran forma, ho molta fiducia, ho visto bene i miei ragazzi. Qualcuno è stan co e dovrebbe riposare, ma vedremo il da farsi. Janklovic ci tiene molto a questa gara, Toni e Iturbe dovrebbero affiancarlo dal primo minuto. Penso che possiamo migliorare ancora, anche se stiamo facendo bene e c'è molto entusiasmo, elemento principale che deve stare alla base di tutto quello che si fa. Io sto un po' addosso ai ragazzi ma credo che si riesca ad ottenere di più anche quando le cos e vanno bene". Cambia ancora qualcosa Mandorlini per questa partita, ma sembra comunque intenzionato a confermare Jankovic come terzo uomo del tridente, insieme a Toni e Iturbe. Rientra Moras dalla squalifica di due giornate: fa coppia con Maietta al centro della difesa, Agostini confermato a sinistra. 

Alejandro Gonzalez, Massimo Donati e Raphael Martinho si giocano una possibilità: in particolare quest'ultimo, preziosissimo lo scorso anno con 10 gol ed efficace anche in questa stagione. A parte loro ci sono soluzioni di livello come quelle che riguardano l'attacco, con Longo e Cacia pronti a sfruttare il momento. Donadel porta esperienza in mezzo al campo, Laner ha giocato titolare nelle ultime due uscite della squadra e dunque è pronto. 

Juanito Gomez e Cirigliano sono ai box e non sono certi i loro tempi di recupero; se il primo è elemento prezioso per Mandorlini, il secondo è ancora un oggetto misterioso, le sue qualità sono note ma al Bentegodi non ha ancora potuto metterle in mostra.