BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Diretta/ Atalanta-Roma (risultato finale 1-1): Brivio-Strootman, i giallorossi pareggiano ancora (Serie A, 14esima giornata)

Live Atalanta-Roma: finisce 1-1 all'Atleti Azzurri d'Italia e per i giallorossi si tratta del quarto pareggio consecutivo. Apre Brivio su punizione, pareggia Strootman proprio nel finale

Foto Infophoto Foto Infophoto

E' finita all'Atleti Azzurri d'Italia: Atalanta-Roma 1-1. I gol sono di Brivio e Strootman: per i giallorossi di Rudi Garcia si tratta del quarto pareggio consecutivo dopo la striscia di 10 vittorie. Squadra abulica per tutto il primo tempo, nella ripresa il tecnico francese cambia inserendo Ljajic e Pjanic e il baricentro si alza. Consigli tiene i suoi in partiti con grandi interventi (in particolare su colpo di testa di Florenzi imebccato da un ottimo cross di Maicon) ma deve capitolare quando Strootman chiude di prima intenzione uno spunto sulla destra di Ljajic. Decisivo l'errore di De Sanctis, la Roma perde altri due punti e potrebbe nuovamente allontanarsi dalla vetta, per il momento raggiunta temporeaneamente.

La Roma pareggia sul filo di lana: al 90' minuto Atalanta-Roma 1-1 grazie al terzo gol in campionato di Kevin Strootman, bravo a inserirsi al centro dell'area a raccogliere l'assist di Ljajic che aveva saltato mezza difesa. Così si avvicina il quarto pareggio consecutivo per i giallorossi.

Doccia fredda per la Roma: al 51' minuto Atalanta-Roma 1-0. Il gol è di Brivio che calcia una punizione dal limite, la barriera salta facendo passare il pallone, poi l'errore di Morgan De Sanctis è decisivo per la rete orobica che sblocca la partita.

E' 0-0 al termine del primo tempo tra Atalanta e Roma. Poche emozioni a Bergamo: di sicuro l'Atalanta è la squadra che ha creato di più e ha cercato maggiormente di portarsi in vantaggio, cogliendo anche un palo con Brienza. Non bene la Roma che ha fatto poco e raramente si è resa pericolosa dalle parti di Consigli, sostanzialmente inoperoso. Da segnalare un cambio per Colantuono: fuori Del Gross infortunato, dentro Bonaventura. 

Succede poco all'Atleti Azzurri d'Italia, ma certamente è l'Atalanta che crea di più: la Roma sembra impacciata e non riesce a rendersi pericolosa. Gli orobici, che devono sostituire l'infortunato Del Grosso (dentro Bonaventura) colpisono un palo con Franco Brienza, poi creano qualche altro grattacapo alla difesa giallorossa che comunque tiene. Problema muscolare per De Sanctis, che sembra ad ogni modo essersi ripreso.

Ecco di seguito le formazioni ufficiali di Atalanta-Roma, quattordicesima giornata di Serie A.  47 Consigli; 4 Scaloni, 44 Cazzola, 13 Canini, 28 Brivio; 8 Migliaccio, 21 Cigarini, 17 Carmona; 11 Moralez; 10 Bonaventura, 19 Denis.
A disp.: 1 Polito, 37 Sportiello, 3 Lucchini, 27 Del Grosso, 93 Nica, 5 Giorgi, 18 Baselli, 61 Gagliardini, 90 M. Kone, 33 Pugliese, 7 Livaja, 23 Brienza, 89 Marilungo. All.: Colantuono  26 De Sanctis; 13 Maicon, 17 Benatia, 5 Castan, 3 Dodò; 4 Bradley, 16 De Rossi, 6 Strootman; 24 Florenzi, 27 Gervinho, 7 Marquinho. A disp.: 1 Lobont, 28 Skorupski, 29 Burdisso, 46 A. Romagnoli, 33 Jedvaj, 15 Pjanic, 11 Taddei, 94 F. Ricci, 8 Ljajic, 22 Destro, 18 Caprari, 96 Di Mariano. 

Colantuono rimane fedele al suo 4-3-1-2. L’uomo chiave degli orobici è Cigarini, metronomo del centrocampo atalantino. Davanti a lui ecco i due che, insieme a Denis, possono decidere l’incontro. L’apporto del duo Moralez-Bonaventura sarà determinante: i loro inserimenti possono far molto male. E non dimentichiamoci Denis là davanti. La Roma ha mostrato un bellissimo calcio: le sgroppate di Maicon e Dodò servono come il pane, così come la quantità e la qualità di De Rossi, Strootman e Miralmem pianici lì in mezzo, con il francese che si fa trovare sempre pronto con gli inserimenti. Infine, la verve e la furia agonistica di Florenzi e Gervinho a supporto di Borriello.

Analizzando le quote Snai di Atalanta-Roma, match valido per la quattordicesima giornata di Serie A che si giocherà domenica alle 15.00, i giallorossi partono favoriti a 1.90, quota comunque sintomatica di quanto si tratti di una trasferta impegnativa e difficile. Il pareggio è dato a 3.40, mentre la vittoria dei padroni di casa a 4.40. Per chi vuole invece andarci con i piedi di piombo è possibile giocare la doppia chance: l’1/X  è dato a 1.84, l’X/2 a 1.19 mentre l’1/2 a 1.26. Stuzzicante la giocata under/over 2.5:  l’under è dato a 1.75, mentre l’over paga di più con 1.95. Anche la giocata gol/no gol stimola i gli scommettitori: se la partita finirà a reti bianche o segnerà solo una delle due squadre la posta in gioco sarà pagata a 1.95, mentre il gol (di una o di entramne) è dato a 1.75. Per chi vuole giocare il risultato fisso, premettendo che si tratta di una partita dalla difficilissima lettura, invoglia molto l’1-3 dato a 14, ma anche un 2-1 per i bergamaschi, sempre a 14. L’1-1 paga 6.

Alle 15 di oggi si gioca Atalanta-Roma: quattordicesima giornata di Serie A. Per la prima volta dalla seconda giornata di campionato i giallorossi non affrontano una sfida da capolista: il sorpasso subito la scorsa domenica ha certificato un leggero calo di pressione che ha portato a tre pareggi consecutivi, mettendo in mostra una ristrettezza della rosa e una mancanza di reali alternative in attacco. Certo non significa che la Roma non sia da primi tre posti, anzi; tutt'al più pare evidente come non si potesse tenere lo stesso ritmo per tutta la stagione. Proverà ad approfittarne un'Atalanta ferita per l'ultima sconfitta e ancora troppo incostante per dirsi davvero al riparo da spiacevoli sorprese in termini di lotta per la retrocessione. Ci sono 17 punti di distanza tra le due squadre: 16 per gli orobici, 33 per i giallorossi. Il bilancio delle sfide giocate in Lombardia dice che ci sono 18 vittorie per l'Atalanta, 16 per la Roma e 17 pareggi. L'anno scorso la gara dell'Atleti Azzurri d'Italia fu uno dei pochi punti positivi di una stagione sfortunata e decisamente sotto tono: 3-2 giallorosso sotto una fitta nevicata, reti di Marquinho, Pjanic e Torosidis a rendere inutile la doppietta di Marko Livaja. L'anno prima invece era stato un trionfale 4-1 nerazzurro: tripletta di Denis, rete di Marilungo e gol della bandiera di Borini, con i giocatori dell'Atalanta che entravano nel deserto della difesa romanista, messa in campo da Luis Enrique sempre con il baricentro alto e un atteggiamento spregiudicato che spesso e volentieri si rivelava un'arma a doppio taglio. Bisogna invece risalire alla stagione 2001-2002 per trovare l'ultimo pareggio: la Roma campione d'Italia impattò 1-1 con i gol di Cristiano Doni e Marcos Assunçao. Ci sono diversi doppi ex: Ivan Pelizzoli è esploso con la maglia dell'Atalanta e ha poi avuto una stagione a Roma nella quale è stato il meno battuto della Serie A; Daniele Berretta, romano, è cresciuto nelle giovanili giallorosse e ha giocato in prima squadra per poi diventare, per tre campionati, centrocampista importante con gli orobici. Valter Bonacina, bergamasco, ha fatto il percorso inverso: cinque anni a Bergamo, poi tre stagioni con la maglia dei capitolini. Poi Massimiliano Cappioli, tre anni in giallorosso e un cameo in nerazzurro, quando ormai aveva 30 anni (solo 11 presenze). Tra gli allenatori Gigi Delneri: bene a Bergamo, decisamente male all'Olimpico in una stagione sciagurata per la Roma.

Tre sconfitte nelle ultime cinque giornate, tutte contro squadre che sono concorrenti dirette per non retrocedere: l'Atalanta non riesce a trovare continuità, soprattutto tiene un rendimento casalingo che è ben diverso da quello esterno. Basta guardare le cifre: 13 punti all'Atleti Azzurri d'Italia con quattro vittorie, un pareggio e una sola sconfitta (contro la Fiorentina) con 9 gol segnati e cinque subiti. Fuori casa invece c'è una sola vittoria, conquistata sul campo del Chievo, con 5 reti realizzate e addirittura 12 subite. Si spiega così il fatto che gli orobici siano sì al riparo da spiacevoli sorprese per il momento, ma non possano ancora considerarsi sicuri di non retrocedere. Anzi: si è visto a inizio stagione come gli equilibri siano sottili e possano rischiare di saltare da un momento all'altro. Colantuono sta cercando di far dipendere la sua squadra non solo da German Denis (5 gol stagionali) e per questo motivo sta provando a ruotare i suoi attaccanti (clicca qui per le probabili formazioni). Per il momento ha trovato risposte soltanto da Marko Livaja, e sporadiche: due gol, ma anche certe partite nelle quali ha visto poco il pallone ed è sembrato avulso dal gioco. La Roma i problemi in attacco li ha avuti da quando Francesco Totti si è fermato. Anche qui parlano le cifre: 20 gol realizzati con il capitano in campo (senza contare i due al Napoli, arrivati con il 10 già fuori), 6 da quando Rudi Garcia ha dovuto fare a meno di lui. Non è tanto un problema di singoli, quanto di tipo di gioco: certi movimenti che appartengono a Totti sono difficili da riprodurre per gli altri, a cominciare da Marco Borriello che ha caratteristiche totalmente diverse; anche Adem Ljajic però, pur se ha tantissimo talento, non riesce a essere totalmente incisivo. Certo non è il caso di parlare di crisi, ma i tre pareggi consecutivi (contro Torino, Sassuolo e Cagliari) devono far riflettere su un calo di rendimento che poteva essere tenuto in conto (anche psicologicamente non è facile giocare al massimo per mesi di fila) ma fa preoccupare qualcuno, soprattutto perchè adesso la porta avversaria si è improvvisamente rimpicciolita e, se prima la squadra vinceva anche giocando male (vedi Chievo) adesso non segna nonostante un dominio territoriale di novanta minuti (Cagliari). In trasferta le cifre parlano comunque di cinque vittorie e un pareggio, con 12 gol realizzati e due subiti: sono quelli di Biabiany alla terza giornata e quello di Alessio Cerci (proprio lui, cresciuto nel vivaio giallorosso e con il sogno di tornare nella capitale) che ha interrotto l'imbattibilità di Morgan De Sanctis. Il pronostico per questa partita ce lo ha dato Ruggiero Rizzitelli (clicca qui per l'intervista esclusiva): la Roma vuole naturalmente ripartire a spron battuto e rimanere agganciata alla Juventus, ben sapendo che se arriveranno altri cali di tensione il ritmo imposto dai bianconeri potrebbe essere letale per chiunque. L'Atalanta, dal canto suo, sente l'impresa possibile e vuole approfittare della difficoltà dei ragazzi di Rudi Garcia per prendersi tre punti in una partita che non era certo stata segnata come da vincere per forza. Non resta allora che vedere come finirà all'Atleti Azzurri d'Italia, ora la parola va al campo perchè la diretta di Atalanta-Roma sta per cominciare...