BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Manchester United-Shakhtar Donetsk: le ultime novità (Champions League, gruppo A)

Foto InfophotoFoto Infophoto

Mircea Lucescu ne ha viste troppo per fidarsi della crisi dello United. E infatti, non si fida. "In campionato forse non giocano bene, ma non si possono paragonare due competizioni. In Premier League le squadre si conoscono meglio, in Champions League la situazione è diversa". E il tecnico rumeno ha poi aggiunto: "Ho visto le sconfitte contro Everton e Newcastle. I Toffees sono la ex di Moyes e avevano quindi motivazioni extra, contro i Magpies è mancata un po' di incisività. Ma dipende anche dai dettagli". Come sappiamo il campionato in Ucraina è fermo: alla ripresa lo Shakhtar avrà l'ostacolo Dinamo Kiev, ma sarà solo il primo marzo. Può essere uno svantaggio o uno svantaggio, ma sarà un dettaglio che riguarderà eventualmente gli ottavi di finale, quando gli arancioneri torneranno in campo con due mesi di stop e dovranno quindi riprendere il ritmo partita. Per stasera, nessun problema: la formazione scelta da Lucescu non presenta novità se non nell'inserimento sull'esterno sinistro offensivo di Bernard, gioiellino brasiliano acquistato dall'Atletico Mineiro che è già protagonista di spot in patria e viene considerato come la prossima stella del calcio verdeoro. Finora ha trovato poco spazio, questa sera ha la grande occasione. Il resto è sempre uguale: Lucescu in conferenza stampa ha parlato di manager che utilizzano il turnover per avere la rosa sempre fresca, lui invece gioca sempre con gli stessi undici. Quindi, Dario Srna sulla fascia destra, la mediana composta da Fernando (ex Gremio) e Hubschmann, Douglas Costa che dopo qualche stagione in panchina si è ripreso una maglia da titolare, Luiz Adriano davanti, in gol nell'ultimo turno di campionato contro il Chornomorets. 

Turno di riposo per Taison, che lo scorso gennaio era stato acquistato per sostituire Willian: si può dire che l'esperimento non sia troppo riuscito e la differenza tra i due si è vista, ma lo Shakhtar ha comunque tanta qualità grazie ai brasiliani che da tempo acquista e di conseguenza può facilmente sopperire. Infatti, come detto, Bernard è destinato a prendersi la maglia da titolare. Altri verdeoro sono Ilsinho ed Eduardo Da Silva, due che invece il loro spazio alla Donbass Arena lo hanno sempre trovato anche se magari non con troppa costanza. 

Lucescu ha avuto la possibilità di lavorare con tutta la rosa a disposizione per questa ultima partita.