BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Cagliari-Napoli, i protagonisti: le ultime novità (serie A, 17a giornata)

Un'immagine della partita della scorsa stagione (Infophoto)Un'immagine della partita della scorsa stagione (Infophoto)

Queste invece sono state le parole di Rafa Benitez nella conferenza stampa di ieri: “Tanti dubbi di formazione sono positivi per me, meno per voi giornalisti che avete difficoltà ad indovinare la formazione. Sappiamo che quella prenatalizia è sempre una gara speciale, ne abbiamo parlato con i ragazzi che si sono allenati bene. Il nostro bilancio è positivo, ma se dovessimo vincere anche a Cagliari sarebbe ovviamente migliore. Penso che l'equilibrio sia la chiave per vincere, se poi hai una squadra che segna sempre un gol in più dell'avversario è ancora meglio. Oggi vediamo anche in Italia squadre che palleggiano di più rispetto alla mia esperienza all'Inter. Il bilancio di questo 2013 non può che essere positivo. Arrivare dove siamo arrivati, compresi i 12 punti in Champions in un girone così tosto non può che essere positivo. Certo, si poteva fare meglio. Ci lavoreremo su. Abbiamo lavorato in questa settimana sulla fase difensiva. Ho fiducia nei miei, faremo meglio. Chiaramente l'equilibrio fra gol fatti e gol subiti è la chiave, ma seppur subendo tanti gol se ne fanno di più... Si pensa prima ad attaccare che a difendere, credo che questo sia positivo per lo spettacolo del campionato. I ragazzi mi hanno detto che ormai per loro un pareggio in trasferta non è più un buon risultato, questo è buon segno. Non è facile ma vogliamo recuperare punti su Juventus e Roma. Non sarà facile, ma ne abbiamo parlato anche oggi e vogliamo provarci. Ci proveremo. Non ho ancora deciso con chi giocare contro il Cagliari, ho tante alternative davanti e mi tengo il tempo necessario per decidere. Sarà una partita complicata, anche dal punto di vista mentale, con le vacanze imminenti. Ma stiamo lavorando bene e sono molto fiducioso”. Tre dubbi di formazione tormentano ancora l'allenatore spagnolo: Reina dovrebbe tornare tra i pali, ma il ballottaggio con Reina non è ancora sciolto; in mediana sicuro Behrami, con Dzemaili leggermente favorito su Inler per la seconda maglia da titolare; in attacco Insigne sembra favorito su Pandev per affiancare Callejon e Mertens nel trio che agirà alle spalle della punta centrale Higuain. Quali consigli avrà portato l'ormai famoso cuscino?

A parte i giocatori ancora coinvolti nei ballottaggi, segnaliamo in particolare la presenza in panchina di Britos come primo ricambio della difesa (Fernandez-Albiol coppia centrale), Reveillere sulle fasce e Zapata sostituito del Pipita in caso di necessità, o magari per varare un modulo a due punti a dire il vero anomalo per il Napoli.

L'elenco è piuttosto lungo: spicca la dolorosa rinuncia ad Hamsik, ma per il resto i problemi sono concentrati in difesa e sulle fasce, visto che mancheranno al Sant'Elia anche Mesto, Zuniga e Cannavaro.