BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Livorno-Udinese, i protagonisti: le ultime novità (Serie A, 17esima giornata)

Davide Nicola, allenatore del Livorno (Infophoto)Davide Nicola, allenatore del Livorno (Infophoto)

 Si avvicina la partita Livorno Udinese ed è giunta l'ora di dare le ultime rifiniture alle formazioni che scenderanno in campo per l'ultimo match prima della pausa natalizia. Per i friulani recupera il bomber Di Natale che dovrebbe essere al comando del reparto offensivo supportato da Pereyra. Quindi Guidolin potrà fare affidamento su una sola punta orfano ancora di Muriel e Ranegie.

La Serie A chiude i battenti nel weekend: si gioca la diciassettesima giornata che è l'ultima prima della sosta natalizia. Si tornerà poi in campo a inizio gennaio, ma intanto il calendario ci propone, nel consueto anticipo delle 18 del sabato, Livorno-Udinese. Domani pomeriggio si affrontano due squadre in piena corsa per non retrocedere: i labronici attualmente sono terzultimi con 13 punti, mentre i friulani con 17 punti sono appena sopra la zona calda e hanno un disperato bisogno di punti per uscire da una situazione che si è fatta difficile visto il rendimento esterno assolutamente deficitario. Ci sono tutti gli ingredienti per una sfida tesa, nervosa e giocata sul filo di equilibri sottili. Arbitra Doveri. 

 Sono 15 i gol realizzati dai labronici, una quota che peraltro si è pericolosamente abbassata come media nelle ultime giornate, dopo un inizio rapido che aveva fatto pensare che la squadra potesse essere la rivelazione del campionato. La realtà è poi stata ben diversa: a oggi il Livorno ha il sedicesimo possesso palla del torneo, tira poco in porta (poco più di 4 conclusioni nello specchio), non trova precisione nella circolazione del pallone e soprattutto non crea pericoli, essendo terzultimo come supremazia territoriale e quartultimo come pericolosità offensiva. Potremmo dire che è una squadra che si appoggia a un solo elemento offensivo, quel Paulinho che ha segnato 6 gol: gli altri con più di una rete sono Siligardi e Greco (2), il trequartista di scuola Inter sta lentamente ritrovando la forma migliore e ha già comunque superato Emeghara nelle gerarchie di Davide Nicola, anche perchè lo svizzero ha profondamente deluso le aspettative. Squalificato Duncan, sempre indisponibili Ruben Botta e Piccini, il tecnico non ha dubbi sulla formazione: giocano i soliti, con il 3-5-1-1 che è lo schema di riferimento. 

 Appena 4 punti in trasferta per i friulani allenati da Francesco Guidolin, soprattutto tre giornate nelle quali la squadra ha raccolto appena un punto, al San Paolo di Napoli. Un paradosso che Guidolin ha commentato con tanta amarezza: l'Udinese ha giocato benissimo in casa dei partenopei e in precedenza della Juventus, ha raccolto poco e poi quando si è trattato di confermarsi in una partita agevole contro il Torino ha miseramente fallito l'obiettivo, perdendo in casa. La classifica si è complicata anche e soprattutto per questo: il Friuli non è più un fortino inespugnabile come una volta, la squadra è già caduta tre volte in questa stagione tra le mura amiche e quindi il rendimento generale ne risente. Bisogna aspettare: lo scorso anno i bianconeri diedero vita a uno strepitoso girone di ritorno, chiusero con otto vittorie consecutive e si portarono a casa l'ultima posizione utile per l'Europa League. E' possibile che ci sia anche un problema di preparazione, ma è indubbio che Di Natale fatica molto e che si sente l'assenza di uno come Luis Muriel, che tornerà a disposizione solo nel 2014. Si torna a giocare con la difesa a 4, la rosa è tutta a disposizione a parte, come detto, il colombiano e Ranegie, ormai fuori causa da tempo.

© Riproduzione Riservata.