BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

Probabili formazioni/ Galatasaray-Juventus: le notizie sul recupero (Champions League, gruppo B)

Paul Pogba contro Umut Bulut nella partita di andata (Infophoto)Paul Pogba contro Umut Bulut nella partita di andata (Infophoto)

Queste invece sono state le parole di Antonio Conte ieri: “Giocare per il pareggio è una cosa che non fa parte di noi e della nostra idea di calcio: se lo facessimo andremmo contro la nostra natura e ci complicheremmo le cose. Questa partita è un'altra tappa del nostro cammino di crescita. Il Galatasaray è forte, l’ambiente sarà caldo, ma noi cercheremo di fare la partita e di vincerla, anche se rispettiamo la squadra di Mancini, che in campionato sta risalendo, e il suo potenziale offensivo. Non credo che ci sia un favorito, partiamo tutti alla pari. Rispetto alla gara d’andata noi siamo migliorati molto, ma dovremo essere attenti e concentrati dall’inizio alla fine. L’assenza di Pirlo, che è insostituibile, non dovrà condizionarci: contro Udinese e Bologna siamo stati bravi a vincere senza di lui, dovremo riuscirci anche contro il Galatasaray. Questa è una partita decisiva, non la prima e speriamo nemmeno l’ultima. Scenderemo in campo con la nostra mentalità e le nostre idee di calcio e speriamo di meritarci la qualificazione”. Possiamo tranquillamente dire che non c'è alcun dubbio per quanto riguarda la formazione: giocano gli undici attuali titolari. L'unico problema è l'assenza di Pirlo, ma comunque i tre uomini che agiranno in mezzo al campo si chiamano Vidal, Pogba e Marchisio. Nessuna novità in difesa e in attacco, da segnalare che sulle fasce tornano ad occupare i loro consueti posti Lichtsteiner e Asamoah.

Nessuna sorpresa anche in panchina. Le alternative sono le più immediate seconde linee. In particolare, in attacco ecco Vucinic e Quagliarella, già a segno contro i turchi nella partita d'andata. In difesa Caceres e Ogbonna oltre a Storari, ecco poi Isla e Padoin per completare l'elenco dei sette panchinari.

Tre sono gli indisponibili: l'eterno Pepe, Giovinco e soprattutto Pirlo. Questa è naturalmente l'assenza più pesante, per qualità ed esperienza del giocatore bresciano. La Juventus può farne a meno, come ha dimostrato nelle ultime due vittorie, per un certo periodo di tempo, ma sarà importante recuperarlo presto e bene.