BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA SCI/ Slalom speciale maschile live (Mondiali Schladming 2013): la seconda manche della gara in temporeale

Alle ore 13 appuntamento da non perdere per tutti gli appassionati di sci: la seconda manche dello slalom speciale maschile valido per i Mondiali 2013: segui e commenta in diretta

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

E’ tutto pronto per la seconda manche dello Slalom Speciale Maschile, ultima gara di questo Mondiale di Sci Alpino di Schladming, che prenderà il via alle 13.30 di oggi. Davanti a circa 60mila persone, i è invece svolta questa mattina la prima parte di questo conclusivo appuntamento: Marcel Hirscher, beniamino di casa, ha chiuso davanti a tutti con un tempo di 55"56, con cui ha staccato di 28 centesimi il compagno di allenamento, il tedesco Felix Neureuther, e di 56 centesimi il connazionale Mario Matt. Ottima prova per il nostro azzurro Manfred Moelgg che, dopo il bronzo in gigante di venerdì, si dimostra da medaglia anche in slalom: al termine della prima manche, infatti, l’italiano è quarto a soli nove centesimi dal podio. Male invece Giuliano Razzoli, caduto a 11 porte dal traguardo: l’azzurro non stava affatto sciando male, ma a tradirlo (dopo che aveva fatto registrare un ritardo di 34 centesimi dal primo posto nei due intertempi) è stata una curva affrontata troppo inclinato. “Purtroppo non pensavo di essere vicino a Hirscher e ho continuato a spingere, così il rischio di sbagliare c'è sempre - ha detto dopo la sua discesa ai microfoni Rai - se l'avessi intuito probabilmente avrei un po' tirato i remi in barca”.

Lo stesso Razzoli era recentemente intervenuto proprio sulle pagine de IlSussidiario.net, dicendosi carico per la discesa e immaginando giustamente Hirscher come grande favorito: “Lui avrà tutte le possibilità di conquistare l'oro. Avrà dietro di sé il tifo di tutta una nazione e non dovrebbe sentire neanche la pressione di tutto questo”, ci ha detto l’azzurro, il quale ha poi spiegato di aver trovato un Mondiale “molto interessante, come è sempre stato specialmente per l'Italia, dove lo sci è uno sport molto popolare. Poi in questa stagione abbiamo anche una squadra forte, competitiva, che sta facendo bene da mesi”. Nel corso della prima manche di oggi sono andati male anche gli altri italiani, a parte Moelgg: Stefano Gross, che ha in parte pagato il sorteggio del pettorale (per lui il  numero 14), ha sbagliato molto, forse nel tentativo di osare troppo: dopo una prima brusca sterzata dopo circa quindici secondi di discesa, l’azzurro ha perso velocità e ha visto aumentare costantemente il proprio ritardo, poi diventato incolmabile: 98 centesimi al primo intertempo, 1"33 al secondo e 2"16 sul traguardo. Male anche Patrick Thaler, giunto al traguardo con ben 2”53 di ritardo da Hirscher. Proprio quest’ultimo si è rso protagonista di una prima manche al limite della perfezione, in parte favorito anche dal numero 2 di partenza: composto, lineare, senza sbavature e senza rischiare troppo, l’austriaco ha tentato di mantenere sempre la velocità senza mai azzardare particolari accelerazioni.