BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MONDIALI SCI 2013/ Slalom speciale: vince Hirscher su Neureuther e Matt, male gli italiani. L'ordine d'arrivo

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

MONDIALI DI SCI SCHLADMING 2013: RISULTATI SLALOM SPECIALE UOMINI, MARCEL HIRSCHER MEDAGLIA D'ORO – E’ andata in scena poco fa la seconda manche dello slalom speciale maschile, atto conclusivo di questi Mondiali di Schladming 2013. Un’atmosfera incredibile in Austria, dove circa centomila persone si sono raccolte entusiaste intorno alla pista della Planai per celebrare la vittoria di Marcel Hirscher, il beniamino di casa che porta il primo oro per il Wunderteam, team event a parte, che salva il bilancio di questi Mondiali casalinghi. Al termine di una gara estremamente emozionante, il secondo posto e la medaglia d’argento vanno al tedesco Felix Neureuther, giunto con questo successo al quinto podio di una brillante stagione. L’Austria occupa anche il terzo gradino del podio con Mario Matt, 34 anni, veterano delle piste e già abituato a podi iridati. Male invece gli italiani: tutte le speranze azzurre erano riposte in Manfred Moelgg, quarto dopo la prima manche, che dopo una bella partenza a razzo è andato a inforcare praticamente subito. Con Giuliano Razzoli uscito verso la fine della prima manche, nella seconda esce di scena anche Patrick Thaler, anche lui dopo un inizio di discesa promettente. L’Italia si consola ovviamente con la bellissima medaglia di bronzo conquistata proprio da Moelgg nello slalom gigante: un terzo posto che vale tantissimo, visto che si tratta della prima medaglia conquistata dall’Italia maschile in gigante dopo l’oro ottenuto da Alberto Tomba a Sierra Nevada nel 1996. “Ho provato a tirare a tutta per prendere un’altra medaglia. Ci ho provato”, ha detto Manfred Moelgg al termine della sua recente discesa nello slalom speciale. Bilancio? “Positivo, però peccato per oggi, in slalom. Sto sciando meglio qui che in gigante. Complimenti a Hirscher. Qui l’atmosfera è fantastica”. Molto deluso invece l’altro azzurro, Stefano Gross, arrivato undicesimo a più di 2 secondi da Hirscher: “Non nascondo di essere venuto qui per vincere una medaglia, invece è finita così. A metà della prima manche ho perso fiducia, non si fa così. Adesso devo pensare alla prossima gara”. Delusione anche per Giuliano Razzoli, che a causa di due errori esce già nella prima manche: "Ci ho provato. Volevo vincere e ho tirato. La pista era bella ed ero partito per vincere, stavo attaccando però avendo fatto qualche errore ho tirato ancora di più. Se avessi capito di essere così vicino come tempo avrei potuto tirare un po' meno sulle ultime porte. Succede ma l'importante è provarci", ha detto lo sciatore azzurro. Alla fine, conclusi anche questi Mondiali di Schladming 2013, a parlare è Flavio Roda, presidente della federazione invernali, il quale si dice molto soddisfatto: “Ottimo il nostro bilancio mondiale. Un plauso ai ragazzi della velocità, non era facile confermarsi dopo i risultati importanti avuti all’inizio di stagione. Poi, abbiamo sfatato il tabù in gigante con il bronzo di Moelgg, non riuscivamo a finalizzare il risultato. Complimenti all’organizzazione, con questo pubblico Schladming è un grande spot pubblicitario per il nostro sport”.

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER L'ORDINE D'ARRIVO DELLO SLALOM SPECIALE MASCHILE DEI MONDIALI DI SCI ALPINO DI SCHLADMING 2013: I RISULTATI


  PAG. SUCC. >