BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA/ Torino-Sampdoria live (Serie A 2012/2013): la partita in temporeale

Torino-Sampdoria apre alle 18 il sabato degli anticipi della ventitreesima giornata di Serie A, dopo l'inusuale antipasto di ieri, indigesto per i giallorossi. La diretta di Torino-Sampdoria

Ventura (Foto: Infophoto)Ventura (Foto: Infophoto)

Torino-Sampdoria apre alle 18 il sabato degli anticipi della ventitreesima giornata di Serie A, dopo l'inusuale antipasto di ieri, venerdì, (indigesto per i tifosi della Roma e gli estimatori di Zeman), il campionato rientra nel suo ritmo consueto e oppone due tra le squadre uscite meglio dalle rispettive crisi di gioco e risultati. Il Torino a quota ventisette punti deve evitare di essere agganciato proprio dai blucerchiati e punta il Chievo che lo sopravanza solo di un punto e ospiterà domani la capolista Juventus. Tre punti sarebbero importanti per un Torino che vuole arrivare a una salvezza tranquilla e consolidare le basi per il futuro. Un attacco ampiamente rinnovato per il Toro, con gli arrivi di Barreto e Jonathas, che si spera possano curare l'anemia offensiva granata. Di contro, la Sampdoria cerca la vittoria per rintuzzare l'attacco del Cagliari, vincitore ieri, ed evitare di essere sopravanzata anche da altri protagonisti del gruppone alle porte della zona retrocessione. Essere risucchiati è davvero un attimo, ma i liguri lo sanno bene e non sprecheranno la loro occasione di stare il più lontano possibile dalle cattive acque della bassa classifica. Torino e Sampdoria si sono affrontate in cinquantotto gare prima di questa partita. Trentadue vittorie per i granata, quindici pareggi e undici successi della Sampdoria. Al di là delle statistiche, però, la partita è davvero insidiosa, il risultato è tutt'altro che scontato. Se fosse un pareggio, naturalmente, i granata ne trarrebbero maggior beneficio, non potendo essere raggiunti da nessuno, mentre gli uomini di Delio Rossi rischierebbero di perdere posizioni anche solo con un mezzo scivolone.

Il Torino si prepara ad ospitare la Sampdoria dopo aver raccolto undici punti nelle ultime cinque partite. Davvero un bel bottino per la squadra di Ventura, che sta consolidando la propria classifica e con un po' di continuità potrebbe davvero vivere un girone di ritorno senza patemi. Certo, ci vorranno sempre grandi motivazioni per far bene e un motivo speciale per far vincere oggi il Torino ce l'ha. Se piegasse la Samp, infatti, sarebbe la trecentesima vittoria da allenatore per Ventura. I giocatori gli faranno questo regalo? Dovremo aspettare per saperlo. In casa il Toro ha uno score in perfetto equilibrio. Quattordici punti sui ventisette racimolati in totale, frutto di quattro vittorie, due pareggi e quattro sconfitte con quattordici gol fatti e altrettante reti subite. Non saranno della partita Diop e Ogbonna, ma Ventura non avrà altri grattacapi per questa partita. Dando uno sguardo alle statistiche, vediamo che il Torino è tra le poche squadre della Serie A a far gol più nel primo tempo che non nella ripresa (quattordici gol contro tredici), mentre per quanto riguarda i gol subiti vediamo che la quasi totalità delle reti è stata incassata dal 16' al 90': sedici gol incassati in quel segmento di partita contro i dieci presi in totale. Insomma, chi si affida di più ai numeri, sa cosa aspettarsi dalla squadra di Ventura. Chissà se anche oggi le statistiche saranno rispettate.
La Sampdoria arriva all'appuntamento contro il Torino sull'onda del roboante sei a zero casalingo ai danni del Pescara. Nelle ultime cinque gare i blucerchiati hanno collezionato sette punti, non un gran ritmo per la verità ma una buona base per crescere, considerando anche la levatura delle squadre affrontate. Ora con un po' di continuità davvero la musica del campionato dei liguri può cambiare ritmo. In trasferta bisogna far meglio, con soli undici punti raccolti sui ventiquattro totali, frutto di tre vittorie, due pareggi e sei sconfitte e con una differenza reti negativa: quattordici gol fatti e diciannove reti subite. Oggi Delio Rossi dovrà rinunciare a Rodriguez e Gavazzi, con Obiang squalificato. Possibile l'impiego di Palombo come difensore centrale. Analizzando le statistiche vediamo che la Sampdoria in questo campionato non ha mai fatto gol nel primo quarto d'ora di gioco e ha mantenuto una difficoltà spiccata dal punto di vista realizzativo in tutto il corso della prima frazione. Molto meglio nel secondo tempo con venti gol realizzati sui totali ventotto. Per quanto riguarda le reti subite, invece, attenzione allo spicchio centrale del secondo tempo in cui il Doria ha subito il 34% dei gol (ben dieci reti). Ora il dado è tratto, chi vincerà? Torino-Sampdoria sta per cominciare...