BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

JOSE' MOURINHO/ Lo Special One "bocciato" dalla Barclays come testimonial: un costoso errore

Mourinho aveva concesso il suo volto a una società di investimenti anglo-australiana, ma l'operazione di marketing si è rivelata un flop: nessun aumento nelle vendite, anzi -11% di flussi.

Foto Infophoto Foto Infophoto

E' molto più facile guidare una squadra di calcio alla vittoria dei trofei nazionali e internazionali che girare uno spot. Deve averlo pensato José Mourinho, che è stato "bocciato" dalla Barclays come testimonial. In particolare la Henderson Global Investors, società anglo-australiana di investment management, aveva scelto di legarsi al portoghese per tutto il 2012 (e gli ultimi tre mesi del 2011), evidentemente riconoscendo nel suo volto e nella sua notorietà un punto vincente, in grado di innalzare le vendite dei prodotti. Niente di più sbagliato: "La costosa campagna di marketing sembra non aver generato alcun effetto particolare sull'incremento dei flussi", così si legge su Investment Week che ha riportato il pensiero della Barclays, una delle più importanti banche al mondo. Tradotto: l'immagine di Mourinho non ha pagato i dividendi sperati. Anzi: per il 2012 si parla di un -11% di flussi. Un vero e proprio flop, che in ambito calcistico sarebbe traducibile con: abbiamo scelto il miglior allenatore per farci vincere lo scudetto e ci siamo ritrovati fuori dall'Europa. Non un momento felicissimo per lo Special One, che deve già affrontare gli spettri di un fallimento nel suo vero mestiere, appunto quello di allenatore: nella Liga il Real Madrid si trova a 16 punti di distanza dal Barcellona, e in Champions League giocherà il ritorno degli ottavi sul campo del Manchester United partendo da un modesto 1-1 centrato in casa all'andata. La Henderson Global ha comunque riportato una pacata soddisfazione: con Mourinho la notorietà del marchio è sicuramente aumentata, ma non è che un placebo visto che già due anni fa il 64% dei professionisti del settore era convinto che la società stesse commettendo un costoso errore nel legarsi a Mourinho. A quanto ammonta l'investimento? Non è dato sapere: chissà se superiore o inferiore ai 10 milioni di euro di buonuscita che - si dice - lo Special One si vedrebbe versare nelle tasche in caso di rescissione del contratto con il Real Madrid (l'accordo naturale scade nel 2016). Mica male.

© Riproduzione Riservata.