BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TORNEO DI VIAREGGIO 2013/ Turi: vi racconto la mia Juve Stabia e l'impresa con la Juventus (esclusiva)

Pubblicazione:giovedì 21 febbraio 2013

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Devo essere sincero: l'episodio che mi ha fatto pensare al passaggio del turno è stato quando abbiamo sbagliato il calcio di rigore (nei primi minuti, ndr). Dopo abbiamo avuto un contraccolpo psicologico, e nel primo tempo siamo stati in balia della Juventus; però quando abbiamo sbagliato il rigore ho pensato: è un segno del destino, sarà una partita sofferta ma proprio per questo la possiamo vincere di misura. Non so cosa me lo abbia fatto pensare, ma ne ero certo.

In questo momento sugli scudi c'è Alfonso Gargiulo, l'attaccante che ha siglato il gol partita contro la Juventus. C'è qualche elemento della sua squadra che vuole raccomandare? Si fa spesso il nome di Gerardi, che è un pò un piccolo Andrea Pirlo, e anche di Sorriso, un interno di centrocampo che ha fatto già tre gol a questo Viareggio. Però è un gruppo che fa della compattezza, dell'unione e dell'umiltà il suo credo, e del lavoro quotidiano la sua forza. Quindi non mi va di elogiare un singolo e sminuire il lavoro corale che c'è dietro.

Come interpreta il fatto che siano state eliminate tante corazzate, come Napoli, Inter e Lazio? Il Viareggio è una competizione particolare, che dagli ottavi in poi si decide a sfide secche, che terminano alla fine dei novanta minuti. Così la paura di sbilanciarsi, prendere gol e non riuscire a rimediare la fa da padrona. Per questo in campo si vedono spesso squadre contratte, che fanno fatica a giocare come in campionato, e i valori si livellano perché le motivazioni della squadre più piccole sono maggiori. Di conseguenza è facile arrivare ai calci rigore, e veder uscire le big.

La Juve Stabia si sta distinguendo anche a livello di prima squadra: è in contatto con mister Piero Braglia? Pensa di potergli fornire giocatori per l'anno prossimo? Io e Braglia abbiamo un confronto settimanale, tutti i mercoledì discutiamo la partitella infrasettimanale. Colgo sempre con molto piacere i suggerimenti che mi può dare un mister esperto come lui, sia dal punto di vista personale che per l'atteggiamento della squadra. Non mi chiede di far giocare la mia squadra come la sua, ma fa sì che i ragazzi conoscano i concetti del gioco del calcio, perchè anche in prima squadra si cambia spesso sistema di gioco e bisogna essere pronti a tutto. Qualche giocatore della Primavera già si allena con Braglia, l'altro Gargiulo, Alessio, è andato anche in panchina con la prima squadra: spero che qualcun altro possa debuttare da qui a fine anno.

 

(Carlo Necchi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.