BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CAGLIARI CALCIO/ Cellino resta in cella, scarcerazione negata

Pubblicazione:venerdì 22 febbraio 2013

Massimo Cellino, presidente Cagliari (Infophoto) Massimo Cellino, presidente Cagliari (Infophoto)

CASO IS ARENAS, MASSIMO CELLINO RESTA IN CARCERE – Brutta notizia per il presidente del Cagliari e per il sindaco di Quartu Sant'Elena: infatti, Massimo Cellino e Mauro Contini restano in carcere, come già era stato deciso ieri per l'assessore comunale ai Lavori pubblici Stefano Lilliu. Oggi anche per il presidente e per il sindaco è arrivata la decisione del giudice delle indagini preliminari che ha negato la scarcerazione. I tre erano stati arrestati il 14 febbraio scorso, per tentato peculato e falso, nell'ambito dell'inchiesta sulla realizzazione dello stadio Is Arenas di Quartu. Il Gip di Cagliari Giampaolo Casula ha rigettato la richiesta di scarcerazione presentata dagli avvocati Benedetto Ballero e Giovanni Cocco, legali del massimo dirigente del club rossoblu: sembra che persistano ancora le esigenze cautelari relative all'inquinamento delle prove. La Procura, infatti, non ha ancora ultimato di acquisire atti. La società invita intanto i tifosi, con un comunicato apparso sul sito ufficiale, a non recarsi domenica allo stadio in occasione della partita col Torino, da disputare a porte chiuse: “Cari tifosi rossoblù, come sapete, a causa di una complessa vicenda che riguarda lo stadio Is Arenas, le autorità hanno deciso che Cagliari-Torino si giochi a porte chiuse. Sappiamo che tutto ciò è doloroso, non poter vedere la propria squadra del cuore e non poterla sostenere in una gara importante per la salvezza è, per voi e per noi, fonte di amarezza. Adesso, però, è il momento della massima responsabilità. Per questo vi invitiamo a non recarvi domenica pomeriggio all’esterno di Is Arenas. E’ estremamente importante evitare assembramenti nei pressi dello stadio. Come è facile capire, il Cagliari sta vivendo un momento delicatissimo, per questo vi chiediamo collaborazione, comprensione e senso di responsabilità. Il futuro del Cagliari è nelle vostre mani”.



© Riproduzione Riservata.