BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA/ Palermo-Genoa: si parte!

Va in scena questa sera allo Stadio Renzo Barbera la sfida tra Palermo e Genoa, l'unico anticipo di questa ventiseiesima giornata di serie A. Segui e commenta la diretta live della gara

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Palermo confermato "a tutto Miccoli" con il pensiero anche del dirigente Giorgio Perinetti, che ai microfoni di Sky si augura di fare punti e di farli, ancor di più, grazie ai gol del Capitano. La partita è fondamentale e i rosanero lo sanno. In casa non possono sbagliare. Brutto colpo per il Genoa nel riscaldamento con Manfredini che proprio mentre svolgeva gli esercizi di riscaldamento (era lui titolare in distinta) ha accusato un risentimento muscolare. Brutto grattacapo per Ballardini che deve decidere in pochissimi minuti se mantenere il modulo di partenza ipotizzato per questa partita o se cambiando pedine non sia meglio cambiare del tutto la meccanica del pacchetto arretrato. Subito Moretti intensifica il riscaldamento, questo potrebbe essere il sostituto, preferito a Bovo che quindi non calcherebbe dall'inizio il terreno di gioco.

54 Sorrentino; 6 Munoz, 25 Von Bergen, 3 Aronica, 29 Garcia; 5 Barreto, 20 Arevalo Rios, 28 Kurtic; 27 Ilicic, 16 Fabbrini; 10 Miccoli (cap.). A disposizione: 99 Benussi, 7 Viola, 8 Dossena, 9 Dybala, 14 Anselmo, 17 Boselli, 18 Faurlin, 19 Sperduti, 22 Nelson, 23 Donati, 30 Brichetto, 33 Formica. Allenatore Alberto Malesani.
1 Frey; 5 Granqvist, 90 Portanova, 21 Moretti; 7 Rossi (cap.), 33 Kucka, 27 Matuzalem, 8 Vargas, 13 Antonelli; 91 Bertolacci; 22 Borriello. A disposizione: 33 Tzorvas, 3 Bovo, 4 Ferronetti, 14 Rigoni, 17 Immobile, 19 Jorquera, 24 Moretti, 28 Tozser, 63 Stillo, 87 Pisano. Allenatore Davide Ballardini.
ARBITRO: Daniele Orsato (Schio).

Va in scena questa sera, dalle 20.45 allo Stadio Renzo Barbera, la sfida tra i padroni di casa del Palermo e il Genoa. La ventiseiesima giornata del massimo campionato italiano regala quindi una partita delicatissima per entrambe le formazioni: dopo il turno di settimana scorsa, infatti, il Siena ha finalmente lasciato l’ultimo posto in classifica dopo aver smantellato la Lazio in casa (risultato finale 3-0), lasciandolo però in eredità proprio al Palermo. La squadra guidata da Malesani, dopo il pareggio della venticinquesima giornata contro il Chievo, si ritrova attualmente a quota 19 punti in classifica, a due lunghezze dal Pescara penultimo. Non se la passa molto meglio il Genoa che al momento lascia distanziata la zona più “calda” solamente di quattro punti: per questo motivo anche gli undici di Ballardini, dopo la bella vittoria di settimana scorsa in casa contro l’Udinese, arrivano a Palermo intenzionati a conquistare tre punti che garantirebbero decisamente maggiore tranquillità. Anche bomber Miccoli sa bene quanto la gara di oggi è delicata. In caso di sconfitta, infatti, per il Palermo lo spettro della retrocessione si farebbe molto più concreto: “Questa è una partita talmente delicata che sia di qua che di là bisogna avere il coraggio di giocarsela a viso aperto, senza nessun risparmio – ha detto il capitano rosanero - Quando l’arbitro fischierà la fine non si dovranno avere rimorsi. Bisognerà avere dato tutto. Noi ci giochiamo la vita. Tutto. Un anno intero”.
Il giocatore non manca anche di punzecchiare il presidente della società Zamparini, abituato a cambiare allenatori e direttori sportivi con una certa frequenza durante la stessa stagione: “Io ci sono abituato, ma adesso abbiamo talmente tanti problemi di classifica e di punti che dobbiamo solo pensare a giocare. Poi, quello che succede in società, se arriva un dirigente o un altro, è chiaro che non lascia l’ambiente sereno e non fa il bene della squadra”. Andando a dare un’occhiata alle formazioni, Malesani non ha ancora sciolto le ultime riserve ma è già praticamente sicuro che la difesa del Palermo sarà costituita da Muñoz e Garcia sulle fasce, con Von Bergen e Aronica centrali. Più avanti possibile utilizzo di Kurtic insieme a Boselli, mentre Ilicic e Miccoli andranno a completare il tridente. Dall’altra parte, invece, Ballardini sembra intenzionato a voler confermare la squadra che ha superato settimana scorsa l'Udinese, quindi con Granqvist al posto di Bovo e Matuzalem al posto di Tozser. Bertolacci dovrebbe partire dietro Borriello, mentre Immobile inizierà ancora dalla panchina.