BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CHAMPIONS LEAGUE/ Video, Malaga-Porto (2-0): gol, sintesi e highlights (ritorno ottavi)

Pubblicazione:

Isco (Infophoto)  Isco (Infophoto)

VIDEO MALAGA-PORTO (2-0): I GOL, LA SINTESI E GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA (CHAMPIONS LEAGUE 2012-2013, RITORNO OTTAVI) – Il Malaga batte il Porto per 2-0 nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League e si qualifica così per i quarti, traguardo eccezionale per una squadra che è al suo debutto nella massima competizione europea. Alla Rosaleda le reti messe a segno da Isco alla fine del primo tempo e da Santa Cruz nella ripresa ribaltano la vittoria del Porto con il minimo scarto (1-0) della partita d'andata e completano un tris di squadre spagnole che era francamente difficile da immaginare dopo le partita di andata. Andiamo ora ad analizzare la partita attraverso le statistiche ufficiali fornite dalla Uefa: il Porto ha avuto in realtà una leggera supremazia per quanto riguarda il possesso palla (52% contro il 48% degli spagnoli), ma non c'è dubbio sul fatto che sia stato il Malaga a fare la partita. Infatti i padroni di casa dominano il conteggio dei calci d'angolo (8-2) e soprattutto quello dei tiri. Il Malaga infatti ha effettuato 11 conclusioni totali nel corso della partita, di cui 7 hanno centrato lo specchio della porta avversaria; il Porto ha risposto con 7 conclusioni complessive, di cui solamente 3 nello specchio. Numeri che ci fanno capire come il Malaga abbia meritato il successo in una partita molto combattuta, come dimostrano le 8 ammonizioni (3 ai danni di giocatori spagnoli, 5 per i portoghesi) e l'espulsione di Defour.

CLICCA QUI PER IL VIDEO DI MALAGA-PORTO (2-0): I GOL, LA SINTESI E GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA (CHAMPIONS LEAGUE 2012-2013, RITORNO OTTAVI)

I GOL – Dopo un gol annullato a Saviola, il Malaga riesce a passare in vantaggio al 43' minuto del primo tempo grazie ad una invenzione del gioiellino Isco, che riceve palla qualche metro fuori area, spalle alla porta: Isco si gira, fa qualche passo in avanti e poi lascia partire un gran tiro di destro che va ad infilarsi nell'angolino alto della porta avversaria, nonostante l'opposizione del portiere che riesce solamente a sfiorare la sfera (1-0 Malaga). Il gol decisivo per il sorpasso nel punteggio complessivo della doppia sfida si materializza al 32' minuto del secondo tempo su una classica azione da calcio d'angolo: cross dalla bandierina di destra, a centro area c'è lo stacco di Roque Santa Cruz, che supera compagni e avversari e con un colpo di testa potente e preciso sigla il raddoppio (2-0 Malaga). Per il Porto, già ridotto in 10 a causa dell'espulsione di Defour, è il colpo da cui non riuscirà più a riprendersi.

LE DICHIARAZIONI – Così Manuel Pellegrini, allenatore del Malaga, ha commentato la partita che entrerà nella storia della società andalusa: “L'atmosfera era incredibile e i tifosi meritavano questa vittoria. Affrontavamo una buona squadra, quindi dovevamo giocare con intelligenza. Siamo stati un po' nervosi nei primi 25 minuti ma il Porto non ha avuto occasioni. Verso la fine del primo tempo abbiamo cominciato a giocare bene. Il cuore ci batteva forte, ma la testa era lucida. Il gol di Isco chi ha calmati e da lì in poi abbiamo iniziato a giocare sul serio. È stata una partita completa. Ora siamo fra le migliori otto squadre d'Europa e continueremo a lottare per arrivare in semifinale. È stato un anno molto speciale e bisogna applaudire la squadra per quello che ha fatto in Spagna e in Europa. Per quanto riguarda il sorteggio, l'ideale sarebbe evitare una spagnola, perché secondo me avremmo più possibilità di andare avanti. Detto questo, vanno bene tutte”.

Inevitabilmente diverso l'umore di Vitor Pereira, allenatore del Porto sconfitto ed eliminato: “L'espulsione di Defour e l'infortunio di Moutinho hanno condizionato la gara. Il Málaga è stato molto aggressivo, specialmente dalla metà del primo tempo in poi. A un certo punto Moutinho ha iniziato a non stare bene e loro hanno segnato proprio alla fine del primo tempo. La ripresa è iniziata con l'espulsione di Defour e la partita è diventata più difficile. Abbiamo provato a reagire anche in 10 e a controllare la partita, ma loro hanno raddoppiato su un calcio piazzato. Ogni episodio ci ha complicato la vita. James Rodríguez e Atsu sono entrati per provare a ribaltare la gara, ma non ci sono riusciti, anche se abbiamo preso l'iniziativa. Sappiamo che i tifosi sono tristi per l'eliminazione, ma lo siamo anche noi”

 

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER IL VIDEO DI MALAGA-PORTO (2-0): I GOL, LA SINTESI E GLI HIGHLIGHTS DELLA PARTITA (CHAMPIONS LEAGUE 2012-2013, RITORNO OTTAVI)


  PAG. SUCC. >