BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

MILANO-SANREMO 2013/ Savoldelli: il maltempo non ha cambiato i valori. Bravo Ciolek, su Sagan dico... (esclusiva)

Peter Sagan, il grande sconfitto (Infophoto)Peter Sagan, il grande sconfitto (Infophoto)

Un astro nascente del ciclismo tedesco. Ricordiamo che ha vinto una tappa alla Vuelta di Spagna ed è stato in squadre molto forti in cui, però, il suo ruolo era quello di gregario al fianco di grandi velocisti. Ora essendo il capitano della sua squadra Mtn-Qhubeka riesce a dare il meglio di sé e probabilmente ha goduto del fatto che il pronostico non lo dava tra i favoriti.

Sagan, cosciente di essere uno tra i migliori, ha forse esagerato negli attacchi che non gli hanno permesso di affrontare più lucidamente lo sprint finale? È stato costretto, era restato senza uomini e ha cercato di recuperare sulle prime posizioni non appena ha visto partire in volata Chavanel… In quegli attimi si risponde solo all’istinto.

Come valuta la prestazione degli italiani? Erano venti anni che non arrivava un solo italiano nelle prime dieci posizioni. Il quinto posto di Paolini è stato un ottimo risultato. Purtroppo è mancato nel finale Nibali, che ha avuto problemi col freddo. D’altronde non partivamo avvantaggiati al via, pure se Nibali era considerato tra i favoriti per la Milano–Sanremo. Si sa che questa è una gara difficile per lui.

 

(Mattia Baglioni)

© Riproduzione Riservata.