BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ITALIA-BRASILE/ Buffon: banco di prova stimolante, Totti sempre uno di noi

Le parole di Gianluigi Buffon nella conferenza stampa da Coverciano, sede del raduno della nazionale italiana che giovedì 21 sfiderà il Brasile nell'amichevole di Ginevra

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Conferenza stampa da Coverciano: davanti ai microfoni si è presentato il capitano dell'Italia Gigi Buffon. Che ha toccato più argomenti, a cominciare da Francesco Totti ed il suo possibile ritorno in vista dei mondiali. "Per quello che riguarda le decisioni di un ct lo spogliatoio non deve dire nulla, sono responsabilità specifiche di chi giuda la squadra. Poi se si parla di un ragazzo come Francesco, allora dico che lui ancora oggi è uno di noi. Con qualcuno di noi, me compreso, sin dall'Under 15 Totti ha condiviso questo tipo di avventura, e per me sarà sempre un mio compagno di Nazionale. Per un giocatore con il suo talento, la sua caratura e la sua classe che continua a giocare a livelli formidabili come sta facendo quest'anno Francesco, è giusto che il c.t. non voglia precludere nullla. Fa la differenza e ti può far vincere la partita. Mi sembra giusto per un ragazzo che sta scrivendo la storia del calcio italiano. Credo, ma vado per ipotesi, che Totti dopo aver vinto il Mondiale del 2006, al quale è arrivato reduce da un gravissimo infortunio, ha pensato che non ci fosse momento migliore per lasciare. Penso che abbia preferito dedicarsi alla propria carriera e alla propria salute, cercando di avere meno impegni e di ottimizzare il lavoro che faceva per fornire prestazioni sempre all'altezza". Sulla prossima amichevole: "Al di là del fatto che quella col Brasile è un'amichevole, quando ci sono certi confronti è normale che non vuoi mai sfigurare, il banco di prova è stimolante, ci apprestiamo a rappresentare l'Italia in una competizione come la Confederations Cup, un torneo che dovremo giocare al meglio, cercando di vincerlo, di conseguenza dovremo prepararci nel migliore dei modi". Successivamente Buffon ha parlato anche del suo allenatore alla Juventus, Antonio Conte, e del suo presunto addio in un prossimo futuro: "Mi sembra una cosa da non prendere in considerazione, tutti sappiamo quanto sia legato alla Juve e a quella maglia. È una persona talmente decisa in tutte le cose che fa e che dice, che alla fine, finchè non riterrà concluso il progetto sportivo con la Juve, non penso che possa prendere in considerazione altre alternative". Prosegue poi sulla Champions League, che prossimamente vedrà impegnati i bianconeri contro il Bayern Monaco: "Va presa per come l'abbiamo cominciata, per come abbiamo intrapreso questo percorso di avvicinamento alle zone importanti dell'elite calcistica. Ovvero sperando di farci...