BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ITALIA-BRASILE/ Prandelli: non svelo la formazione. El Shaarawy è il nostro Neymar

Pubblicazione:

Cesare Prandelli con Mario Balotelli (Infophoto)  Cesare Prandelli con Mario Balotelli (Infophoto)

ITALIA-BRASILE - E' quasi tutto pronto per Italia-Brasile, amichevole internazionale di lusso che si giocherà domani sera a Ginevra.Tecnicamente gli Azzurri avrebbero anche la partita delle qualificazioni mondiali contro Malta - che conticchia qualcosina in più - ma è chiaro che per la portata dell'avversario tutti gli occhi sono puntati sull'appuntamento contro i verdeoro, possibile avversario tra un anno e mezzo sulla strada verso la Coppa del Mondo. Cesare Prandelli ha affrontato la conferenza stampa della vigilia ma non si è sbilanciato: "E' una partita importante e non voglio dare vantaggi agli avversari", ha detto ai giornalisti. "Devo fare alcune considerazioni che riguardano anche la condizione fisica. Il Brasile ha talento e calciatori importanti, ha tecnica e profondità grazie a una grande corsa. Ricordo in particolare la partita del 1982 in cui l'Italia sovvertì il pronostico". E che rimane l'ultima volta in cui siamo riusciti a battere i sudamericani del futebol bailado. Prandelli ha comunque provato Giaccherini come titolare: possibile un suo inserimento, mentre sono praticamente certi quelli di Daniele De Rossi e Pablo Daniel Osvaldo, anche perchè contro Malta saranno squalificati. "Mi hanno garantito che con la Roma si è allenato perfettamente", ha detto Prandelli dell'attaccante. "L'ho convocato proprio per le ultime gare: è in difficoltà con il club e per lui questa partita sarà uno stimolo". Nel Brasile lo spauracchio numero uno sarà ovviamente Neymar, ma il CT azzurro non si scompone. "El Shaarawy interpreta il ruolo in modo simile perchè ha fiuto del gol ma tante altre qualità". In effetti il paragone regge: i due sono coetanei, il brasiliano è esploso prima anche grazie alla sua grande tecnica ma il Faraone ha tutto per essere decisivo quanto lui lo è nel Santos. Finale con un altro commento su Francesco Totti, naturalmente il principale tema di discussione di ieri: "Ho risposto sinceramente su dl lui, considero quello che sta facendo adesso"



© Riproduzione Riservata.