BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Italia-Brasile (2-2): i voti e il tabellino della partita (amichevole internazionale)

Le pagelle e il tabellino di Italia-Brasile, amichevole internazionale di preparazione del prossimi mondiali 2014: i voti, i marcatori e gli ammoniti della partita di Ginevra

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

LE PAGELLE DI ITALIA-BRASILE (2-2): I VOTI DELLA PARTITA - Partita discreta, quella tra Italia e Brasile, che termina con il risultato di 2-2. L'Italia va sotto immeritatamente di due reti ma è capace a rifarsi nel secondo tempo dove quasi annulla il Brasile e, per poco, non ne esce vincitrice. Il ritmo di gara non è sempre intenso; i brasiliani giocano molto su accellerazioni improvvise con Neymar o Hulk, mentre gli azzurri provano a costruire al meglio la manovra aprendo sulle fasce o cercando il lancio filtrante ma spesso risultano prevedibili.
VOTO ITALIA 7: crea molto e spreca pure ma esce a testa alta conscia che può dire la sua contro tutte gli avversari perchè dispone di armi letali come Balotelli. Nel primo tempo concede due disattenzioni al Brasile che la punisce; nella ripresa cambia modulo, da 4-3-1-2 a 4-3-3 puro con Cerci ed El Shaarawy, e serra i ranghi. La mossa è vincente e in tre minuti pareggia i conti. Nel proseguo del match capitano altre occasioni ma manca anche un po' fortuna. Prandelli al netto dei 90' può dirsi comunque soddisfatto.
VOTO BRASILE 5.5: non è un Brasile da spavento quello che si presenta a Ginevra con il tridente Hulk-Fred-Neymar. Manovra spesso lenta e priva di idee che vive più di giocate personali che di un gioco fluido e armonioso. Bene Fernando, roccioso centrocampista del Gremio, a fare da diga. Si salva Neymar che crea l'azione del 2-0 e resta l'uomo più pericolo di verde-oro. Fondamentale J.Cesar che para molto, forse troppo.
VOTO ARBITRO (STUDER, Svizzera) 7: quasi impeccabile, fa giocare e punisce al momento giusto. Forse manca un cartellino in più per Hernanes ma era già ammonito e questa è solo un'amichevole.
PAGELLA BRASILE (4-3-3)
J.CESAR 7: è sempre l'acchiappa sogni che gli interisti conoscono bene. Fondamentale in più occasioni, si oppone al meglio a Balotelli & Co. La reattività è ancora la sua qualità migliore.
D.ALVES 6.5: parte bene in progressione dalla sua come è noto. È tra i pochi che si salva perchè riesce a fare il suo sia in fase offensiva che difensiva.
D.LUIZ 5: non è al meglio come aveva già dimostato nelle ultime prestazione con il suo Chelsea: Balotelli fa quello che vuole in area.
DANTE 5: si fa anticipare da De Rossi in occasione del primo gol dell'Italia. Anche lui lascia abbastanza a desiderare e non è un caso che abbia ricevuto la sua prima convocazione a 29 anni.
FELIPE LUIS 6: partita sufficiente. Spinge giustamente quando ne ha la possibilità mettendo in allarme la retroguardia azzurra. Con il cambio del modulo dell'Italia, fa più fatica a contenere l'esplosività di Cerci.
(dal 76') MARCELO: s.v.
HERNANES 5: rallenta spesso l'azione e manca di idee. Solo qualche dribbling dei suoi e poco altro. Deludente.
FERNANDO 6.5: è l'unico centrocampista di ruolo nella mediana verde-oro; affiancato da due trequartisti fa da schermo alla sua difesa impedendo il possibile.
OSCAR 6: giusto il gol che lancia il Brasile sul 2-0 prima dell'intervallo. Quando la difesa di Prandelli gli prende le misure non ha più scampo.
(dal 62') KAKA' 4.5: entra senza dare nessun impatto positivo alla sua squadra. Gioca a ridosso delle punte ma non riesce mai ad intendersi o a sfondare il muro italiano.
HULK 5: se pressato a dovere perde metà del suo potenziale. È lui che fa partire l'azione dell'1-0 grazie al suo cross in mezzo ma dopo 90' riesce a far breccia nella difesa avversaria solo un paio di volte.
(dal 85') JEAN: s.v.
FRED 6: apre le danze con un bel gol a Buffon ma poi si perde tra Barzagli e Bonucci. Annullato in tutto il secondo tempo.
(dal 72') D.COSTA: s.v.
NEYMAR 6.5: è micidiale se parte in velocità, si attira due uomini ma riesce spesso a resistere alla loro pressione. Un tiro pericoloso nel primo tempo che impegna Buffon e poi l'assit per il gol di Oscar. Ridimensionato, come tutta la squadra, nella ripresa.
ALL. SCOLARI  5: il suo Brasile non convince. Capace di andare sul doppio vantaggio creando solo due palle gol, non impauriesce quasi mai l'Italia nel secondo tempo accontentandosi forse del pari. Non è questo il Brasile che spaventa.