BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MIAMI 2013/ Tennis, Sara Errani cede in due set a un'opaca Sharapova

Pubblicazione:mercoledì 27 marzo 2013 - Ultimo aggiornamento:mercoledì 27 marzo 2013, 21.23

Maria Sharapova, 25 anni (Infophoto) Maria Sharapova, 25 anni (Infophoto)

TENNIS MIAMI 2013 - Quarantanove errori non forzati e quattordici doppi falli. In due set. In questi semplici dati c'è il riassunto della partita di Maria Sharapova contro Sara Errani. Chi non abbia visto l'incontro, durato due ore e mezzo (un'eternità) si aspetterebbe di alzare le braccia al cielo e di festeggiare, per la prima storica volta, la vittoria della bolognese sulla tennista che venne dal freddo e conquistò il circuito WTA. E' andata così? No: la siberiana vince il quarto di Miami e se ne va in semifinale, unica giocatrice (contando anche i maschi) ad andare in profondità nel tabellone tra quelli che lo hanno fatto anche a Indian Wells (dove Masha ha vinto). Possibile? Sì, possibile. Anzi: non ha nemmeno avuto bisogno del terzo set la russa, che si è imposta con il punteggio di 7-5, 7-5 battendo per la quarta volta in meno di un anno la nostra tennista, e ancora senza concedere un parziale. Sarita è uscita sconsolata dal campo, e c'è da capirla: perchè a questo punto la domanda non può che sorgere spontanea. Se la Errani non batte Maria nemmeno quando questa gioca malissimo e commette errori da prime dieci lezioni di tennis, quando mai la batterà? Oggi la bolognese ha avuto le sue brave occasioni: con l'84% di prime palle e il 54% dei punti sulle prime di servizio è stata incollata alla Sharapova sempre, anche dopo essere partita male, subendo due break (0-3). Ne ha recuperato subito uno, poi si è trascinata fino al 4-5 (annullando due set point) e quando Masha per la prima volta si è presentata a servire per il parziale ha mostrato gli artigli, cancellato lo svantaggio e salita 5-5 per poi andare alla battuta. Qui però la Sharapova (e lo farà anche nel secondo set) ha giocato da vera numero 2 al mondo, ritrovando servizio e profondità dei colpi in un amen. Sul 6-5 Sarita ha provato ancora a mettere pressione all'avversaria, che però ha chiuso (dopo altre opportunità sprecate). Nel secondo set è venuta fuori tutta la peggiore versione di Maria Sharapova: presa da una strana foga come se avesse un appuntamento a minuti, la siberiana ha iniziato a tirare a tutto braccio su ogni palla che le passava vicino, ma senza muovere i piedi a dovere e quindi trovandosi spesso o troppo lontana o troppo vicina alla palla. Risultato: innumerevoli bordate a due metri dalla riga di fondo, colpi affondati in rete, doppi falli elementari. Il set ha avuto un andamento strano: 


  PAG. SUCC. >