BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PAGELLE/ Sampdoria-Parma (1-0): i voti e il tabellino della partita (Serie A, 27esima giornata)

Le pagelle e il tabellino di Sampdoria-Parma: al Ferraris andava in scena la 27esima giornata del campionato di serie A tra le due squadre appaiate a quota 32 punti in classifica.

Daniele Gastaldello, capitano della Sampdoria (Infophoto) Daniele Gastaldello, capitano della Sampdoria (Infophoto)

Sesto risultato utile consecutivo per la Sampdoria, che non conosce più pause: Delio Rossi ha rivoltato una squadra in evidente difficoltà e l'ha trasformata in una macchina che corre, lotta e vince. La salvezza è praticamente archiviata, e adesso si comincia a intravedere anche un pezzettino di Europa. Il Parma funziona al contrario: terza sconfitta consecutiva, non vince da otto partite e cioè da tutto il girone di ritorno dove ha ottenuto tre punti. Meno male che Donadoni aveva messo punti in cascina, altrimenti la situazione sarebbe decisamente più complicata.

Non troppo bella: il Parma è in evidente difficoltà e non riesce a sviluppare gioco nemmeno quando va sotto e deve recuperare, la Sampdoria è cinica e concreta ma gioca prevalentemente sulle ripartenze. Si è visto di meglio, ma certo i blucerchiati non fanno gli schizzinosi e si prendono una vittoria importante.

Contava vincere: la Sampdoria lo fa. Da quando ha perso a Siena Delio Rossi ha sempre fatto punti, così la salvezza è ormai conquistata e si può pensare a qualcosa di più. La squadra gira: non fa spettacolo, ma mette in mostra un grande spirito combattivo e un'ottima organizzazione tattica, e in più ha trovato un bomber come Icardi che dall'Epifania a oggi ha messo insieme 8 gol. 

Per uscire dalla crisi servono i punti, è inevitabile. Oggi la squadra di Donadoni stava per ottenere un punto se non fosse stato per un'uscita a vuoto di Mirante. Al di là dell'episodio però i ducali appaiono sfiduciati, come se tutte le cose positive fatte fino allo scorso dicembre siano state improvvisamente dimenticate. La classifica non è ancora preoccupante, ma intanto chi sognava l'Europa si dovrà accontentare di salvarsi.

La partita è maschia, con tanti contrasti e interruzioni: otto cartellini gialli sono tanti, ma Valeri tiene in mano le redini del match con la mano pesante. Non deve intervenire su episodi troppo controversi e importanti.

Inoperoso: la difesa migliora e diminuisce il lavoro. Ma trasmette sicurezza, bravo su Rosi.

Il Parma in questo momento è poca cosa: amministra bene la situazione.

Rischia una clamorosa autorete andando a chiudere su Amauri. Gara attenta nel suo nuovo ruolo.

Biabiany è sempre un cliente difficile e infatti gli scappa un paio di volte, poi se la cava.

Resta un po' sulle sue senza spingere troppo.

La sua solita partita: non lo vedi, eppure c'è e si fa sentire. 

Sta studiando da regista, sempre utile anche se non brillantissimo, prova anche il tiro.

Meno appariscente del solito ma svolge comunque il suo compito.

Uno dei fedelissimi, quasi sempre in campo: stavolta disegna la punizione inzuccata da Icardi.

Ogni tanto anche il brasiliano deve tirare il fiato: lo fa oggi, non facendosi troppo notare se non per un tiro ben parato nel primo tempo e uno spunto in contropiede sprecato.

( Una ventina di minuti in una fase in cui la Sampdoria bada a tenere il risultato)

Con questo fanno otto gol nel 2013 e nove in campionato. Sempre più fondamentale per la salvezza della Sampdoria.