BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PROBABILI FORMAZIONI/ Barcellona-PSG: ultime novità (Champions League, ritorno quarti)

Ritorno dei quarti di finale di Champions League: il Barcellona ospita il PSG al Camp Nou. Al Parco dei Principi i transalpini avevano strappato il pareggio ai blaugrana in pieno recupero.

Mucchio Barcellona: il festeggiato è Ibrahimovic, una stagione in blaugrana (Infophoto) Mucchio Barcellona: il festeggiato è Ibrahimovic, una stagione in blaugrana (Infophoto)

Barcellona e Paris Saint Germain si giocano questa sera l'accesso alle semifinali di Champions League. Nella partita del Camp Nou - arbitra l'olandese Kuipers - catalani e transalpini partono dal 2-2 contestato del Parco dei Principi: ad avere da ridire è stato naturalmente il Barcellona, che ha anche inviato un esposto alla UEFA circa l'operato di Stark e già avevano dovuto ingoiare il dimezzamento della squalifica di Ibrahimovic, poi decisivo con gol e assist. I blaugrana restano naturalmente favoriti: hanno raggiunto le semifinali sei volte nelle ultime sette stagioni (mancandole solo nel 2007), e per tre volte hanno vinto la coppa. Il PSG invece non va in semifinale dal 1995 (eliminato dal Milan), e per molti anni è stato assente dalla Champions League. Tuttavia, non si può mai dire: abbiamo visto ieri sera come i pronostici più chiusi possano essere riaperti.

In conferenza stampa si è presentato Jordi Roura - in panchina però ci sarà Tito Vilanova - e il secondo allenatore del Barcellona ha immediatamente messo l'accento sulla questione Messi ("siamo dipendenti da lui, perchè per il nostro gioco è fondamentale", ha detto Andrès Iniesta). Le domande sono tutte sulla presenza o meno della Pulce, e allora Roura sgombra immediatamente il campo per parlare chiaramente: "Senza di lui è dura, è un handicap: è il numero uno del mondo". E poi: "Le sensazioni sono buone sugli altri infortunati, ma sentiremo i medici. Non credo che il PSG cambierà il modo di giocare rispetto a Parigi, noi dovremo andare in campo come se fosse una finale". Sia Pedro che Adriano dovrebbero essere in campo: l'infortunio di Mascherano (che sarebbe stato comunque squalificato) non lascia molta scelta a Vilanova, che in realtà un'alternativa ce l'avrebbe: spostare Sergio Busquets al centro della difesa e inserire Song a centrocampo. Tuttavia, si dovrebbe andare con il brasiliano al fianco di Piqué per una linea arretrata più tradizionale, con Busquets al centro del campo insieme a Iniesta e Xavi, che ha saltato l'ultimo impegno di campionato (il Barcellona ha vinto 5-0) proprio per riposarsi in vista di questa sfida (ha deciso lui). Davanti i dubbi maggiori: la soluzione al momento più probabile è l'impiego di Fabregas da finto centravanti con Sanchez e Villa, che sono più attaccanti di lui  ma partendo larghi danno meno punti di riferimento e fanno aprire la difesa avversaria. Attenzione: Fabregas e Sanchez hanno segnato cinque gol in due sabato sera e si sono scambiati assist in un paio di circostanze, segno di un'intesa che c'è.

Vedere Leo Messi in panchina ovviamente sorprende: di solito era successo in partite di scarsa importanza in campionato, e l'ultima volta forse tre anni fa. Sorprende ancora di più se pensiamo che la Pulce dopo essere uscito dal campo all'intervallo di Parigi sarebbe dovuto rimanere fuori almeno tre settimane fa: recupero lampo per lui, Vilanova spera di non doverlo utilizzare per evitare rischi inutili. Per Pedro vale la stessa cosa, quindi la reale alternativa per dare fiato agli attaccanti dovrebbe essere Cristian Tello. Thiago Alcantara e Song sono le soluzioni per il centrocampo, c'è poi Bartrà per la difesa.

Un mese e mezzo di stop per Mascherano, che si è gravemente infortunato all'andata; acciaccato anche Puyol, costretto a guardare da fuori l'ennesima grande notte della squadra di cui è capitano. Potrebbero essere un problema i cartellini: rischiano Piqué, Adriano e Jordi Alba, che lascerebbero scoperta la difesa nell'eventuale semifinale di andata.