BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

DIRETTA/ Lazio-Fenerbahçe live: la partita comincia!

La Lazio tenta la rimonta contro il Fenerbahce: all'andata è finita 2-0 per i turchi, servono tre gol senza subirne per arrivare in semifinale. Segui e commenta la partita in diretta.

La Lazio festeggia il gol di Hernanes nel derby (Infopohoto)La Lazio festeggia il gol di Hernanes nel derby (Infopohoto)

Gonzalez non ce la fa: la fascite plantare lo costringe alla panchina. Senza terzini Petkovic ricicla Giuseppe Biava nel ruolo di numero 2. Per il resto tutto confermato con Hernanes nei quattro di centrocampo, Ederson dietro Kozak e Miroslav Klose, ancora non al meglio a partire dalla panchina. Il Fenerbahçe risponde con l'annunciato 4-2-3-1. Milos Krasic ha recuperato ma va in panchina, mentre a centrocampo gioca Selcuk Sahin al posto di Mehmet Topal. Si gioca a porte chiuse. LAZIO-FENERBAHCE FORMAZIONI UFFICIALI 22 Marchetti; 20 Biava, 2 Ciani, 27 Cana, 26 Radu; 87 Candreva, 24 Ledesma, 8 Hernanes, 19 Lulic; 7 Ederson; 19 Kozak. In panchina: Bizzarri, Gonzalez, Crecco, Mauri, Klose, Rozzi. All.Petkovic 1 Volkan; 27 G.Gonul, 6 Yobo, 2 Korkmaz, 33 Ziegler; 21 S.Sahin, 14 R.Meireles; 11 Kuyt, 16 Cristian, 88 Caner; 99 Webo. All.Kocaman. 

Sarà durissima: le porte chiuse non aiutano la Lazio a cercare l'impresa di rimontare lo 0-2 subito in Turchia contro il Fenerbahce. I tifosi ci saranno ma, come in occasione della partita contro lo Stoccarda, si daranno appuntamento all'esterno dell'Olimpico, un modo come un altro per incitare la squadra. Che ha bisogno di segnare due gol senza subirne per trascinare i turchi ai supplementari, oppure vincere con almeno tre gol di scarto per vincere per centrare subito la qualificazione; viceversa in semifinale ci andrebbe il Fenerbahce, che può vincere o pareggiare, oppure anche perdere a patto che lo faccia con un gol di scarto, o con due segnandone almeno uno. Dunque, per la squadra di Vladimir Petkovic un'impresa che si preannuncia complicata, anche se i biancocelesti sanno bene che ogni partita fa a sè e che all'andata qualche dettaglio ha girato dalla parte sbagliata. Non ci sono precedenti tra le due formazioni se non quello di sette giorni fa; La Lazio in casa contro squadre turche ha vinto tre volte su quattro e non ha mai perso, il risultato più recente è un 1-1 del novembre 2006 (contro il Besiktas); invece, il Fenerbahce in Italia ha sempre perso (tre volte), e anche piuttosto nettamente: un dato confortante al quale la Lazio cercherà di attaccarsi. In campo questa sera c'è anche un ex della Serie A: si tratta di Reto Ziegler, che ha vissuto un'esperienza importante con la Sampdoria venendo poi subito scartato dalla Juventus. E' ancora in prestito, ma difficilmente farà ritorno a Vinovo. Dalla Juventus arriva anche Milos Krasic, che partirà dalla panchina.

La Lazio gioca per la seconda volta consecutiva a porte chiuse: un peccato, perchè con l'apporto del suo pubblico è ancora imbattuta in Europa League. Nel girone eliminatorio sono arrivate due vittorie e un pareggio, e peraltro senza subire reti; poi il 2-0 al Borussia Monchengladbach ai sedicesimi, e il 3-1 allo Stoccarda negli ottavi. Il dato ci dice quindi che i gol realizzati dalla Lazio all'Olimpico sono nove in cinque partite, mentre la porta è rimasta inviolata per 422 minuti prima della rete di Hajnal. Anche questi sono numeri che devono far ben sperare Petkovic, che però ha anche fatto sapere che senza Miroslav Klose sarà dura: il tedesco parte dalla panchina, non sta bene e il suo apporto sarà comunque limitato. Certo c'è Kozak, il capocannoniere di Europa League, ma il peso specifico portato dall'ex Bayern Monaco è in generale più netto. Il Fenerbahce arriva all'Olimpico forte di un cammino esterno che l'ha visto vincere tre partite su tre nel girone, con sei gol realizzati e due subiti; poi uno 0-0 contro il Bate Borisov e un 1-0 contro il Viktoria Plzen. Certo: i turchi non hanno avuto un percorso difficilissimo e hanno sempre faticato per qualificarsi, ma intanto l'ultimo gol subito in trasferta risale al 4 ottobre (segnato da De Camargo): fanno 376 minuti senza incassare. La Lazio ha certamente le possibilità per sovvertire questo pronostico: servirà innanzitutto mantenere i nervi saldi e l'equilibrio in campo, come ha ricordato l'ex Fernando Orsi (clicca qui per l'intervista esclusiva). Vedremo tra poco se i biancocelesti si spingeranno dove mai un'italiana era arrivata in Europa League: la parola passa al campo, Lazio-Fenerbahce sta per cominciare...

© Riproduzione Riservata.