BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PAGELLE/ Pescara-Siena (2-3): i voti e il tabellino della partita (serie A, 32esima giornata)

Le pagelle di Pescara-Siena (2-3): i voti ai protagonisti del primo anticipo della trentaduesima giornata di serie A e il tabellino della partita, vinta dai toscani tra grandi emozioni...

L'attaccante del Siena Emeghara (Infophoto)L'attaccante del Siena Emeghara (Infophoto)

Allo stadio Adriatico è stato emesso un verdetto forse definitivo: Pescara-Siena finisce 2-3, la sconfitta casalinga in uno scontro diretto è un colpo probabilmente deleterio per le speranze di salvezza degli abruzzesi, mentre i tre punti potranno essere molto importanti per i bianconeri toscani. La partita è stata ricca di colpi di scena. Primo tempo tutto di marca senese, e la squadra di Iachini va al riposo con il doppio vantaggio siglato da Angelo e dall'autorete di Zanon. Grande reazione degli uomini di Bucchi nella ripresa, e il pareggio arriva con Celik e Togni, ma infine il gol in contropiede di Emeghara regala i tre punti al Siena, che sale a quota 30 in classifica. Il Pescara invece resta a 21, e la notte si fa sempre più buia.

Grandi emozioni e divertimento. Chi ha detto che due squadre che lottano per non retrocedere non possono dare spettacolo? Certo, non mancano gli errori e spesso si vede più volontà che qualità, ma non ci siamo annoiati neppure per un minuto. Uno spot per il calcio come divertimento, complimenti a due squadre che hanno sempre lottato.

Inizio sconcertante, da squadra che si è già rassegnata alla retrocessione. Inizia a giocare circa al 20' minuto e qualcosa di buono combina, ma la strada si è già fatta tutta in salita. Errori banali, difesa fragile, attacco inesistente. Come se non bastasse, il tentativo di reazione viene subito bloccato dall'autorete di Zanon, che rende l'impresa ancora più difficile. Piove sul bagnato, ma non si può parlare di sfortuna. Serve piuttosto reagire, ed è quello che succede nella ripresa. Il Pescara dà tutto, riacciuffa un pareggio in cui pochi speravano e cerca anche la vittoria. La benzina però finisce troppo presto, nel finale esce di nuovo il Siena ed è notte fonda. Grande cuore e a sprazzi buon gioco, ma non basta.

Il primo quarto d'ora è eccezionale: dominio totale, sei occasioni da gol e il meritatissimo gol del vantaggio. Così si affronta una partita determinante per la stagione. Perfetto soprattutto il gioco sulle fasce, con Sestu e ancora di più con Angelo. Poi rifiata un attimo, ma appena riesce torna a pungere e ottiene senza faticare molto il raddoppio. Primo tempo magistrale. Poi la squadra rientra in campo per il secondo tempo, e ti chiedi se è la stessa: le parti si invertono, e il Siena butta via nel giro di 15 minuti tutto quello che aveva costruito. Il Pescara così si rianima, ed è il Siena ad andare in difficoltà. Poi però i bianconeri hanno la forza e la capacità di tornare in avanti, e al terzo tentativo serio trovano il gol della definitiva vittoria, che globalmente è meritata.

Gestisce bene una partita non facile. I cartellini al momento giusto, decisioni corrette. Forse c'è un fuorigioco di Agra sul gol del 3-2, ma onestamente va detto che solo i replay danno certezze. Impossibile dare colpe a Rizzoli e al guardalinee.