BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Calcio e altri Sport

PAGELLE/ Fiorentina-Torino (4-3): i voti e il tabellino della partita (Serie A, 33esima giornata)

Le pagelle con i voti ai protagonisti e il tabellino di Fiorentina-Torino: la partita dello stadio Artemio Franchi si è giocata alle 15 ed era valida per la 33esima giornata di serie A.

(INFOPHOTO)(INFOPHOTO)

Partita splendida al Franchi: la vince la Fiorentina, che si prende tre punti importantissimi per continuare a sognare la Champions League, ora distante un solo punto (ma il Milan deve ancora giocare). Il Torino può mangiarsi le mani: per un primo tempo orribile, e perchè dopo aver completato la grande rimonta si è fatto infilare sul più bello, cioè quando aveva praticamente messo in ghiaccio il pareggio. Così non è stato, e allora la salvezza resta da costruire.

Squadra pazza: gioca un primo tempo strepitoso con 3 gol e poi rischia di vanificare tutto facendosi rimontare. Nel finale però riacciuffa la vittoria dimostrando di avere anche cuore e attributi: la Champions League si avvicina, questa squadra ce la può fare ma deve limitare i blackout.

Appunto: vanificare un pareggio ormai fatto prendendo gol così a quattro minuti dalla fine è inaccettabile, soprattutto con la salvezza ancora da costruire. Tuttavia, la grande rimonta c'è stata e non se ne può tacere. E' un periodo di crisi: Ventura ci dovrà lavorare sopra.

Conduce bene una partita che per come è andata si poteva incattivire: ammonisce il giusto e non perde mai la calma.

Su Santana ha colpe: il tiro era decisamente parabile.

Santana lo fa penare, non lo vede quasi mai.

Salva un gol fatto di Cerci nel primo tempo, poi tiene.

Va un po' in crisi perchè tatticamente deve ancora imparare, ma la stoffa c'è.

Non è il suo ruolo e si vede: per questo merita più di quanto il campo fa vedere.

Fanno cinque gol in campionato: gran risultato per uno che non ha mai segnato tanto.

( E' l'eroe della partita: il suo gol vale più di tre punti. Bravo, perchè ultimamente giocava poco e poteva andare in crisi di fiducia)

Come sempre domina la scena lì in mezzo, però va anche in affanno nella ripresa quando il Torino va in pressione.

Grande assist per Aquilani, ma anche un errore sul secondo gol del Torino. Ci mette però classe e precisione da metronomo.

E' il suo anno: gol strepitoso e accelerazioni devastanti. Se fosse più continuo, sarebbe un fenomeno.

Non lo si vede mai: sempre fuori partita.

( Manda in porta Romulo con un tocco di prima)

Sempre più calato nella realtà: gran punizione per il settimo gol in campionato. Ora deve lavorare sulla testa.

( Anche lui fa il suo. Pericoloso su punizione)