BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CALCIOMERCATO/ Bayern Monaco, chi c'è dietro la fuga di notizie su Gotze?

Mario Gotze è stato venduto al Bayern Monaco: l'allenatore del Borussia Dortmund Jurgen Klopp non ha preso benissimo l'annuncio ufficiale il giorno prima della semifinale di Champions League

Mario Gotze, appena ceduto al Bayern Monaco (Infophoto) Mario Gotze, appena ceduto al Bayern Monaco (Infophoto)

"Lo sapevo dal giorno dopo la partita di ritorno contro il Malaga, potevano esserci momenti per l'annuncio". Parla Jurgen Klopp, allenatore del Borussia Dortmund che, nel pieno della preparazione della semifinale contro il Real Madrid, ieri si è visto comparire l'annuncio ufficiale del club della cessione di Mario Gotze al Bayern Monaco. Siccome stiamo parlando di uno dei grandi talenti della squadra giallonera, di un ragazzo nato nel 1992 e già titolare in nazionale, simbolo delle ultime stagioni trionfali del Dortmund, il colpo di mercato è importante di suo; se poi teniamo conto del fatto che, come detto, il Borussia è alla vigilia di uno dei momenti più importanti della sua storia recente, che la notizia sia venuta alla luce del sole come se si parlasse delle previsioni del tempo deve aver infastidito non poco Klopp, che infatti non ha mancato di sottolinearlo. Certo, poi ha cercato di ammorbidire la situazione dicendo "questo è il mercato e anche il Monchengladbach ha fatto lo stesso con Reus un anno fa", ma sono situazioni diverse: i neroverdi non stavano preparando una semifinale europea, ed era gennaio: ovvero, c'era tutto il tempo per metabolizzare la notizia con una stagione ancora lunga. Adesso però la domanda che si fanno tutti è: chi è stato a dare il là alla fuga di notizie? Perchè, se la cosa era nota da almeno due settimane, si è pensato di dirlo soltanto ieri? La Bild ha pubblicato il suo articolo, e poi il Borussia Dortmund non ha potuto fare altro che confermare attraverso i suoi organi ufficiali. Ci sono già le prime indiscrezioni: naturalmente si arriva sempre al Bayern Monaco, anche se i motivi possono essere almeno due. Il primo di natura squisitamente "politica": il club è stato recentemente investito dalla figuraccia dell'evasione fiscale di Uli Hoeness, il suo presidente, e avrebbe colto la palla al balzo per distogliere l'attenzione dei media (cosa riuscita, poi è arrivato il 4-0 al Barcellona a fare ancora di più); il secondo motivo, che i bavaresi abbiano voluto distrarre il Dortmund nella speranza che i gialloneri perdessero la concentrazione in vista della loro semifinale. "Non credo che la nostra rivalità arrivi fino a tanto, anche se comunque non riusciranno a farci perdere la tensione" ha detto Klopp; e in effetti, quale vantaggio ricaverebbe il Bayern Monaco dal ritrovarsi il Real Madrid in un'eventuale finale? Forse non ci perderebbe, ma nemmeno ci sarebbe tutto questo guadagno. E' chiaro che perdere i derby non piace mai a nessuno, ma forse in questo caso Rummenigge e soci si sarebbero mossi troppo presti. Qualche furbo dalla mente particolarmente ispirata, infine, potrebbe pensare alla cospirazione: vuoi vedere che i giocatori del Bayern Monaco hanno parlato con il compagno di nazionale Khedira, e quindi sia il Real Madrid ad aver alimentato la fuga di notizie? Saremmo al complotto internazionale; siccome è una parola che va tanto di moda possiamo lasciarla anche così in sospeso. Quello che interessa a noi è che stasera si gioca una grande partita, e che vada come vada sia Klopp che Mourinho meritano la finale, Gotze o non Gotze. E poi, vuoi mettere che soddisfazione per il Borussia Dortmund se l'uomo decisivo per la Champions League fosse proprio il 10 giallonero? Sarebbe una vendetta perfetta.

© Riproduzione Riservata.