BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Modena-Sassuolo (0-1): le pagelle del primo tempo

Le pagelle del primo tempo di Modena-Sassuolo, partita valida per la trentanovesima giornata del campionato di serie B 2012-2013: segui e commenta in diretta la sfida dell'Alberto Braglia

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Il Sassuolo è in vantaggio sul Modena per 1-0 al termine del primo tempo, e con questo risultato i neroverdi sarebbero in serie A. C'è ancora una ripresa però da giocare, e per quello che abbiamo visto finora la partita si preannuncia incerta fino al termine. Decide per adesso Andrea Catellani, ex della gara: in ombra per tutto il primo tempo, l'attaccante è stato però bravissimo a tagliare alle spalle di Boakye che gli ha servito un pallone sulla destra, solo da spingere in porta con il piatto a eludere il tuffo di Colombi. Fino a lì però si era visto un Modena spumeggiante, capace di aggredire la capolista grazie a un gioco sempre aggressivo e veloce, a scatenare l'estro di Lazarevic sulla sinistra. Subito lui a creare scompiglio ai danni di un Laverone distratto e timoroso, anche se la grande palla gol ce l'ha avuta Mazzarani: splendidamente imbeccato da Moretti al termine di un gioco dentro-fuori che ha mosso la difesa, il numero 10 dei canarini ha fatto tutto bene incrociando il tiro, ma gli è mancata la mira per questione di centimetri. Continui capovolgimenti di fronte e azioni forsennate da una parte all'altra, poche le occasioni da gol reali ma un costante tambureggiare e palloni messi in area, dove è mancata freddezza e lucidità per chiudere. Da segnalare nel Sassuolo l'uscita di Bianchi per infortunio dopo 35 minuti: al suo posto in campo Chibsah.

Sfugge bene a Laverone per tutto il tempo, dopo 30 secondi ha già guadagnato un angolo e con Minarini scambia benissimo e in velocità.

Gioca leggermente più arretrato rispetto al solito e ne risente: forse non trova spazio per spingere, ma è sempre poco lucido.

Una furia quando decide di prendere palla e puntare, nascono sempre da lui i pericoli per la porta del Modena. Grande personalità.

Soffre la verve di Lazarevic che lo punta in continuazione e lo salta più volte. Ha giocato poco e si vede: non entra negli automatismi della squadra.