BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Palermo-Inter (1-0): le pagelle del primo tempo

Le pagelle del primo tempo di Palermo-Inter, partita valida per la trentaquattresima giornata del campionato di serie A 2012-2013: segui e commenta in diretta la sfida del Renzo Barbera

(INFOPHOTO) (INFOPHOTO)

Il primo tempo tra Palermo e Inter finisce sul parziale di 1-0 grazie alla rete di Ilicic.Il Palermo alla ricerca di punti salvezza gioca con grande entusiasmo e passa subito in vantaggio al 11' di gioco con lo sloveno che aveva segnato il suo primo gol in Serie A proprio contro i neroazzurri. L'azione parte dai piedi di Barreto che cerca in verticale Miccoli, silvestre in chiusura tampona male e favorisce l'assist del salentino per Ilicic che dal limite la piazza. Tiro per nulla imparabile ma Handanovic resta immobile probabilemente perchè non vede partire il tiro. Subito il gol l'Inter viene falcidiata persino da un altro ennesimo infortunio, questa volta è Zanetti ad alzare bandiera bianca, per lui si prospetta la rottura del tendine d'achille. Stramaccioni cerca di correre ai ripari ed inserisce Schelotto ma per tutta la fase centrale della prima frazione si assiste ad un'Inter senza idee che fatica sia a costruire che affrontare un Palermo che gioca sulle ali dell'entusiasmo. Miccoli ha due buone opporunita per raddopiare ma in entrambe Handanovic protegge bene la porta. Dall'altro lato Rocchi, unico terinale offensivo cerca l'inserimento vincente dopo qualche cross dia da destra che da sinistra ma è troppo poco; da ricordare anche un tiro di Alvarez appena dentro l'area che sfila sul palo del portiere, è forse questa l'azione più pericolosa dei nerazzurri. Il Palermo ha gioco facile nella gestione del possesso e sfrutta molto la buona condizione di Garcia tra i migliori in campo che dalla sinistra ha bucato più volte la retroguarida di Stramaccioni, bene anche l'intesa tra Miccoli ed Ilicic.

In ottima condizione, scappa numerose volte sulla sinistra e mette numerosi cross dal fondo che spaccano la retroguardia avversaria. Sfruttato a dovere.

Poco cercato dai compagni che preferiscono spingere dall'altro lato, il più in ombra di tutti.

Quando può cerca di andare sul fondo e metterla in mezzo, il meno arrendevole.

Altro errore grossolano che costa lo svantaggio. Poi ammonito in un altra occasione in fase di copertura.