BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DIRETTA/ Roma-Lazio Primavera: si comincia!

La diretta di Roma-Lazio Primavera: derby valido per la 23esima giornata di campionato, all'andata era finita 2-2. I biancocelesti possono agganciare la vetta, la Roma per il terzo posto.

Foto Infophoto Foto Infophoto

E' tutto pronto per il calcio d'inizio di Roma-Lazio Primavera, partita valida per la decima giornata di ritorno del girone C. Albereto De Rossi dovrebbe puntare sul modulo 4-2-3-1, quello solitamente utilizzato, con Alexis Ferrante unica punta di riferimento ed il rumeno Claudiu Bumba nella batteria dei trequartisti. Per la Lazio invece solito 4-3-3 col tridente probabilmente formato da bALDE Keita, Lombardi e Paterni. Parola che passa al campo: si comincia!

Svedkauskas; Somma, Carboni, Calabresi, Yamnaine; Cittadino, M.Ricci; F.Ricci, Bumba, Frediani; Ferrante. In panchina: Zonfrilli, Boldor, Capradossi, Sammartino, Gonzalez, Catania, Battaglia, Ferri, Pagliarini, N'Dah, Mazzitelli, De Santis. All. A.De Rossi

Strakosha; Filippini, Ilari, Serpieri, Pollace; Cataldi, Silvagni, Falasca; Kieta, Lombardi, Paterni. In panchina: Di Piero, Scarfagna, Mazzei, Bilali, Pace, Antic, Luque, De Francesco, Andreoli, Lucatelli, Vivacqua, Bianchi, Tounkara. All. Bollini

Arbitro: Benassi

Si gioca oggi alle 15 Roma-Lazio, derby Primavera valido per la 23esima giornata del girone C. Finora ha giocato solo il Catania capolista, che vincendo 2-1 in casa della Reggina si è assicurato il primato solitario con tre punti di vantaggio proprio sui biancocelesti. All'andata era finita con un 2-2, stavolta si gioca in casa della Roma e ragionevolmente i giallorossi possono sperare di accorciare le distanze in classifica: vincendo si porterebbero a una sola lunghezza dai cugini, agganciando il terzo posto (anche se naturalmente devono guardare le altre partite). La formula del torneo Primavera prevede che le prime due di ogni girone (sono tre) accedano direttamente alla fase finale, denominata Final Eight; le altre due squadre escono invece dai playoff, che si disputano tra terze, quarte e due migliori quinte, in turni a a eliminazione diretta. E' importante quindi centrare i primi due posti del girone per non incappare in rischi ulteriori. Se per la Lazio l'obiettivo è fondamentalmente raggiunto, la Roma non può concedersi distrazioni in questo senso e sa bene che non dipenderà totalmente dai suoi risultati. Dopo questa giornata ne mancheranno altre tre: stiamo entrando nella fase decisiva.
La Roma fino a qui ha centrato 12 vittorie, 7 pareggi e 3 sconfitte. Un percorso tutto sommato positivo, considerato che rispetto allo scorso anno la squadra è profondamente cambiata: molti giocatori sono andati a fare esperienza nelle leghe minori, anche i grandi protagonisti come Piscitella, Ciciretti, Politano, Verre e Viviani. Torneranno alla base, ma per adesso Alberto De Rossi deve fare i conti con un gruppo nuovo che non è stato immediato amalgamare, come dimostra il ritardo in classifica (lo scorso anno i giallorossi dominavano e nel 2011 hanno vinto lo scudetto). Oggi ci si affida al rumeno Claudiu Bumba, ai gemelli Matteo e Federico Ricci, a Jonathan Lucca (spesso aggregato alla prima squadra) e ancora ai gol dell'italo-argentino Ferrante, bravo anche come attaccante di manovra. Il Viareggio è andato male: eliminazione agli ottavi contro il Torino (ai rigori).
Anche la Lazio ha perso il Viareggio alla lotteria dei rigori, e agli ottavi (contro i futuri campioni dell'Anderlecht), ma in campionato le cose vanno decisamente meglio. Prima della partita del Catania i ragazzi di Bollini erano in testa, con 13 vittorie, 8 pareggi e una sola sconfitta, a inizio novembre contro l'Ascoli. Anche tra i biancocelesti ci sono stati non pochi cambi di formazione, uno su tutti l'addio di Onazi che pur essendo ancora nella Lazio gioca stabilmente in prima squadra (e ha anche segnato in Europa League). Anche il bomber Rozzi fa parte del gruppo di Petkovic, ma più spesso torna a dare una mano ai suoi pari età. Da tenere d'occhio soprattutto il centrocampo, con la qualità di Falasca, Cataldi e Silvagni, oltre a Francesco Vivacqua (confermato dalla prossima stagione) che sa giocare anche in attacco. Trattandosi di un derby ci aspettiamo una grande partita, comunque intensa e ben giocata: vedremo come andrà a finire, la parola al campo perchè Roma-Lazio sta per cominciare…

© Riproduzione Riservata.